Suor Cristina, l'evento televisivo dell'anno non smette di far parlare di se. In questi giorni, Noemi che fa un bilancio sulla sua esperienza come coach a 'The Voice of Italy' ha voluto togliersi qualche sassolino dalle scarpe rilasciando un'intervista al 'settimanale F' dichiarando che la Suora doveva ritirarsi e lasciare il posto a chi faceva davvero musica. La cantante dopo due anni passati nel talent musicale di Rai Due ha espresso parole di ammirazione verso i suoi compagni d'avventura affondando le unghie, per la prima volta ed a giochi chiusi, sulla presenza e vincita discussa di Suor Cristina Scuccia. Secondo il suo parere, infatti la religiosa avendo già conquistato le piazze di mezzo mondo doveva tornare in convento con le sue sorelle non arrivare alla fine e vincere un contratto che non più sfruttare perché ha fatto voto di povertà.

La cantante romana non gliele manda certamente a dire e continuando nel suo sfogo, ammette che la vittoria non sarebbe così meritata tanto da aver voluto vincitore magari un suo allievo che poteva sfruttare il contratto discografico meglio di lei, che purtroppo è già una meteora.

Poi ha parlato dei suoi colleghi cominciando ad elogiare Raffaella Carrà per cui ha una grande devozione augurandosi di arrivare a 70 anni come lei. Mentre Piero Pelù sarebbe più vicino a lei almeno caratterialmente andando dritto alla meta senza fregarsene delle regole. Infine J-Ax sarebbe un giocherellone, visto lo scherzo subito dalla stessa interessata ma anche un grande artista capace di mostrare i denti quando il gioco si fa duro e presente con i ragazzi. Infine ha ricordato con simpatia questi due anni facendo presagire l'abbandono del programma come Raffaella Carrà intenzionata a ritornare la prima donna della Televisione con lo spettacolo 'Forte, Forte Forte'.

I migliori video del giorno

Che abbia davvero ragione Noemi visto che la vendita dell'inedito scritto per Suor Cristina da Neffa non ha raggiunto i risultati sperati, che invece avrebbe le porte aperte per il mercato discografico straniero.