Scopriamo le anticipazioni sulla terza stagione de Il Segreto relative all'episodio 882 che verrà trasmesso questo pomeriggio in Spagna. La vita di Bosco è in pericolo. Il secondo figlio di Pepa, la cui comparsa a Puente Viejo non ha soltanto sconvolto i telespettatori spagnoli ma anche il cuore della cameriera Ines, sta per essere ucciso da Bernarda, la simpatica quanto instabile signora che alloggia alla tenuta di donna Francisca, Bernarda che conosce la verità circa Bosco, ovvero che è il nipote di Francisca ed in quanto tale è l'unico che potrebbe raccogliere l'eredità della Montenegro, proprio lui, che è il figlio della defunta (?) levatrice, il nemico numero uno dell'ormai ex padrina di Puente Viejo.

Secondo voi può morire Bosco? No. E infatti l'autrice della soap opera Aurora Guerra ha scelto per il momento di lasciare in pace il nuovo arrivato. Ecco allora, proprio quando Bernarda stava per realizzare il suo intento, arrivare Mauricio, come il più antico deus ex machina. Il sindaco del piccolo paesino spagnolo riesce a salvare la vita a Bosco accorgendosi che lì stava per accadere un fatto terribile. Chiamalo sesto senso, chiamala esperienza. Il figlio di Pepa deve la vita a Mauricio, l'odiato capomastro che nella prima stagione recitava almeno inizialmente una parte abbastanza scomoda e poco gradita al pubblico, salvo poi rivelarsi un tenero ed un uomo con un cuore grande, anche grazie e sopratutto alla comparsa (e scomparsa) di Efren, quello che teoricamente parlando fu suo figlio, sebbene concepito dal famelico Salvador Castro, il quale come sappiamo non fece uso di alcuna protezione e ingravidò diverse ragazze a Puente Viejo (la defunta donna Agueda, Francisca, e il grande amore di Mauricio, ovvero una cameriera a servizio della Montenegro).

I migliori video del giorno

Sempre nel corso della puntata numero 882 abbiamo visto Bosco incontrare Ines, con quest'ultima che capisce quanto il ragazzo si preoccupi per lei quando stanno insieme. Che sia amore? Nel frattempo Aurora porta con sé Conrado a Jaral e qui riceve una calorosa accoglienza.