In onda sulle frequenze tv delle più importante rete del gruppo Mediaset lunedì 29 settembre 2014, Il Segreto (di Puente Vjejo) proporrà un sorprendente Fernando Mesia, già al centro di nostre anticipazioni in merito a puntate precedenti, impegnato a guardare negli occhi Don Gonzalo Valbuena per svelargli importanti verità sulla sua vita. Non ci aspettavamo questo colpo di scena francamente. Ricordiamo che il personaggio (dal carattere difficile) di Fernando Mesia ha il volto e l'animo di Carlos Serrano.

A Puente Vjejo nessuno è riuscito a dimenticare Pepa

Cosa vuol sapere Gonzalo? Notizie inerenti la madre cioè Pepa Balmes Aguirre: è per questo motivo che è giunto in città ed è per questo motivo che ha fatto tante domande a tutti su di lei.

Si è sovente scontrato con Tristan - quest'ultimo si è mostrato infastidito davanti a tanta insistenza - per ricostruire l'accaduto e fugare alcui dubbi, dato che secondo quanto rivelato da Maria il corpo della levatrice non sarebbe nella tomba nel cimitero del paese come tutti credono. Proseguono i preparativi dell'organizzazione di un evento mondano nella casa di Francisca, che coinvolge con entusiasmo anche Maria. L'obiettivo finale è mettere alla prova nel giusto contesto i sentimenti di Raimundo Ulloa. C'è però la novità di Sorolla - nome tra i più bizzarri, mi pare - nuovo personaggio introdotto da Olmo che lo presenterà ufficialmente a Francisca. Di lui sappiamo ancora poco. Non tutto filerà secondo le intenzioni però: c'è chi dice no e sceglie di non prendere parte alla festa. tra questi c'è manco a dirlo proprio il figlio di Francisca e Raimundo che non vede certo di buon occhio, conoscendo Francisca, la loro eventuale riconciliazione.

I migliori video del giorno

La puntata de Il Segreto del giorno 29 settembre 2014 ci embra francamente un capitolo di transizione della popolare soapopera girata in Spagna. Le prossime faranno certamente registrare nuovi colpi di teatro, in linea con la logica della storia, in cui i buoni si rivelano poi cattivi e viceversa confondendo così sempre le acque.