Rieccoci con le anticipazioni de Il Segreto della puntata di giovedì 4 settembre 2014. Pepa si riprenderà dal suo fortissimo stato di malessere? Soledad riuscirà a trovare pace e sposare Olmo Mesia come da accordo? Vi ricordiamo che fino a venerdì 12 settembre 2014 le puntate della soap opera più amata dal pubblico italiano andranno in onda alle ore 19.15 circa come sempre su Canale 5 prima del TG delle 20. Le nuove puntate della telenovela e l'inizio ufficiale della seconda serie andranno in onda da lunedì 15 settembre 2014 subito dopo Uomini e Donne e prima dell'inizio di Pomeriggio 5, quindi intorno alle 16.05 circa. Soledad ancora distrutta per la morte di Juan confida alla madre che - nonostante le imminenti nozze - non amerà mai Olmo Mesia.

Pepa è ancora immobile a letto in preda ai dolori ma le cure amorevoli di Tristan, Emilia, Raimundo e Rosario le offrono un minimo di sollievo. Eccovi a seguire le nuove anticipazioni de Il Segreto per la puntata di giovedì 4 settembre 2014. Scopriamo insieme cosa accadrà nelle prossime ore.

Anticipazioni Il Segreto giovedì 4 settembre 2014: Olmo minaccia Soledad, Pepa sta ancora male

Pepa e Tristan sono in uno stato economico davvero disastroso e Soledad ruba dei soldi per pagare il consulto medico della povera levatrice in preda ai dolori. Nel frattempo Antonio liquida gli scagnozzi che aveva ingaggiato per uccidere Mariana che dopo l'avvenimento appare decisamente piena di dubbi. Il Dottore Calderon arriva di corsa a El Jaral sotto lo sguardo stupito di Pepa e Tristan che gli riferisce tra le altre cose di essere stato chiamato da Soledad.

I migliori video del giorno

In seguito le anticipazioni de Il Segreto riferite alla puntata di giovedì 4 settembre 2014 ci fanno sapere che il medico è stato chiamato non da Soledad bensì da Olmo Mesia con il chiaro proposito di potere avere una buona arma per ricattare nuovamente Soledad e costringerla ad accettare di sposarsi con lui. Hipolito convinto di poter avere successo inizia così gli studi per intraprendere la carriera da politico.