La fascia pomeridiana di Raiuno è già in affanno. Neanche il tempo di partire con la nuova stagione della Televisione, che a Viale Mazzini si trovano alle prese con programmi che non decollano e con la concorrenza di Canale 5 che puntualmente prevale negli ascolti. Questa volta, il problema non riguarda "La Vita in Diretta", che dopo un esordio in sordina sta pian piano migliorando, rosicchiando qualche punto di share al ben più consolidato "Pomeriggio Cinque" di Barbara D'Urso.

I programmi che paiono fortemente in affanno sono "Dolci dopo il Tiggì" con Antonella Clerici e "Torto o ragione il Verdetto Finale" condotto da Monica Leofreddi. Complice anche il grande successo della soap "Il Segreto", le due trasmissioni stanno facendo registrare ascolti piuttosto deludenti. I dolci della Clerici perdono costantemente la sfida con un'altra telenovela di Canale 5, "CentoVetrine", che ottiene il 15% di share rispetto al 10% del programma di Raiuno. Ma davanti a tutti, in questa fascia oraria, si piazzano i vari Tg Regionali trasmessi da Raitre.

Per evitare di lasciarsi trascinare dagli eventi e arrivare al termine della stagione televisiva con una sonora sconfitta subita dalle reti Mediaset, in Rai stanno pensando di rivoluzionare subito la propria fascia quotidiana. Antonella Clerici dovrebbe rimanere in video con notevoli cambiamenti nella sua trasmissione dedicata alla pasticceria, mentre Monica Leofreddi rischia seriamente di vedersi cancellare il suo "Verdetto Finale", la cui edizione rinnovata sta facendo anche peggio di quella presentata fino allo scorso anno da Veronica Maya.

Tenendo conto del grande seguito dei telegiornali regionali, questi potrebbero passare alla rete ammiraglia della Rai e andrebbero ad anticipare Antonella Clerici, che così avrebbe l'opportunità di ritrovarsi in dote il cospicuo bottino di telespettatori che seguono ogni giorno i Tg. Al posto di "Verdetto Finale", invece, subentrerebbe un quiz tutto nuovo, "Family Feud", affidato ad Amadeus che da poco ha chiuso i battenti con "Reazione a catena". Si ipotizza anche un trasloco di "Un posto al sole" dal terzo al primo canale della Rai per scontrarsi ad armi pari con le soap di successo trasmesse da Canale 5. Gli unici dubbi riguardano Raitre: il direttore Vianello accetterà di perdere tutte queste programmazioni di successo? A questo dovrà pensarci il direttore generale Gubitosi, che comunque è chiamato ad intervenire per evitare un'altra debacle alla fascia pomeridiana di Raiuno.