E' andata in onda ieri sera la nuova puntata di Chi l'ha visto che, come previsto, ha analizzato ancora una volta il giallo della scomparsa di Elena Ceste. La mamma di Costigliole d'Asti manca da casa dallo scorso 24 gennaio: molte ipotesi in questi mesi sono state fatte sulla sua sparizione ma gli inquirenti al momento sembrano ancora molto lontani dal trovare una soluzione (o almeno così crediamo noi).

Chi l'ha visto: perché Michele Buoniconti parla di silenzio tombale?

La puntata di Chi l'ha visto ha posto ancora una volta l'attenzione sul ruolo che Michele Buoniconti potrebbe aver avuto nella scomparsa di Elena Ceste.

Sebbene a suo carico non ci sia ancora nulla, tutto quanto si sa sulle ultime ore della mamma di Costigliole d'Asti viene dalla sua bocca. Non ci sono prove oggettive a parte alcuni video presi dalle telecamere di sorveglianza del paese che confermano che in effetti Michele si è recato a scuola a portare i bambini nell'orario da lui affermato (o a pochi minuti di distanza).

Che ne è stato allora di Elena Ceste?

Nelle sue interviste, Michele afferma di essere tornato in casa dopo aver portato i bambini a scuola e di essersi subito reso conto che la moglie mancava: salendo le scale, infatti, ha potuto percepire "un silenzio tombale". Ma perché Michele ha usato queste parole che mettono i brividi solo a sentirle? Com'è possibile che neanche dopo mezz'ora dalla scomparsa della moglie lui si fosse reso conto che a lei fosse accaduto qualcosa? Sono molti i dubbi relativi alla sua descrizione come i vestiti che Michele dichiara di aver trovato in cortile: com'è possibile che Elena Ceste abbia vagato nuda in una freddissima mattina di fine gennaio, sarebbe sicuramente morta assiderata dopo pochi minuti? La versione di Michele Buoniconti fa acqua davvero da molte parti sebbene al momento nulla ci sia a suo carico.

I migliori video del giorno

Gli inquirenti infatti continuano ad indagare senza esporsi e probabilmente stanno lavorando nell'ombra proprio per unire più indizi che possano incriminare colui che, con il passare dei giorni, sembra essere coinvolto nella sparizione della mamma di Costigliole d'Asti.