Lunedì 10 novembre 2014 è stata trasmessa in prima serata su Canale 5 la decima e ultima puntata di Squadra Antimafia 6 con Marco Bocci e Giulia Michelini. Inutile dire che il finale di stagione di questa sesta serie di Squadra Antimafia era attesissimo dai fans, che sui social hanno commentato in massa l'ultima puntata, permettendo all'hashtag ufficiale della fiction di raggiungere le vette della classifica di Twitter. Se non avete potuto seguire l'ultima puntata di Squadra Antimafia 6 in prima visione, potete rivederla in replica streaming video.

Cosa è successo nell'ultima puntata di Squadra Antimafia 6 del 10 novembre? Il riassunto ufficiale rivela che Domenico Calcaterra, dopo varie peripezie, finalmente è riuscito a portare a termine la sua missione: distruggere Crisalide e causare l'arresto di Veronica Colombo, che come abbiamo già avuto modo di vedere nel corso della penultima puntata non era morta. Il colpo di scena di questa puntata finale della fiction ha riguardato la morte di De Silva, che stando a quanto abbiamo visto nella puntata finale di ieri sera è saltato in aria, sebbene il suo corpo sia misteriosamente sparito dall'obitorio.

Squadra Antimafia 6 ultima puntata: rivedila in streaming video

Come vi dicevamo la puntata finale di Squadra Antimafia 6 del 10 novembre potrà essere rivista in replica streaming sul sito VideoMediaset.it, cliccando nell'apposta sezione dedicata alla fiction.

I momenti più coinvolgenti di questa ultima puntata di Squadra Antimafia 6 sono stati quelli finali, in cui abbiamo assistito alla scena dove Rosy Abate decide di prendere i voti per diventare una suora a tutti gli effetti, mentre Domenico Calcaterra cerca in tutti i modi di fermarla e di non fare questa scelta azzardata.

Il vicequestore, però, è stato allontanato da alcuni uomini incappucciati che l'hanno portato via. Nell'ultima puntata di Squadra Antimafia 6 ci sono state delle novità anche per Lara Colombo, che ormai ha capito che con Calcaterra non ci sono speranze e quindi si è buttata tra le braccia di Sandro.