La sua partecipazione all'Isola dei Famosi è stata tra le più discusse. Lui è Rocco Siffredi, noto come il più noto tra gli attori di film hard italiani. La sua esperienza in Honduras, però, fino ad oggi, ha mostrato un Rocco che nessuno si aspettava. Nei primi giorni, Siffredi si è spesso isolato, mostrandosi a volte malinconico per la mancanza della moglie e della sua famiglia. Ventidue anni di vita insieme, due figlie e la loro casa di Budapest, lei è la bellissima moglie di Rozsa Tassi. Non deve essere di certo facile la vita con un attore così richiesto.

Quando sono nati i figli, Rocco aveva deciso di lasciare il lavoro di attore per dedicarsi ad altro, e per cinque anni è stato fermo. Poi, però, ha capito che non era stata una decisione giusta, e che il rispetto nei confronti dei figli poteva essere dimostrato diversamente. Intervenuta a Domenica Live la moglie di Rocco, Rozsa Tassi, ha raccontato la sua vita matrimoniale a Barbara d'Urso. Durante l'intervista è stato mandato in onda il video del matrimonio e del battesimo del loro primo figlio. Non si è dilungata molto a parlare del lavoro del marito, anche se, come molti spesso è accaduto ad Alessia Marcuzzi durante la diretta, è successo che involontariamente si incappasse in qualche battuta facilmente fraintendibile.

Siffredi all'Isola dei famosi

E' partito con la promessa di non tradire la moglie, ed effettivamente finora l'ha mantenuto. Solo negli ultimi giorni l'arrivo di Cristina Buccino, pare abbia riacceso i suoi sensi. Effettivamente, l'arrivo del ciclone Buccino in Honduras, ha in qualche modo interrotto gli equilibri dei naufraghi.

Lei è la nota sensuale che sull'Isola dei famosi mancava, e Rocco pare averne subito il fascino. L'attore però nel reality non si è risparmiato in discussioni, con Fanny Neguesha per questioni di vigilanza del fuoco, con Pierluigi Diaco perché lo ha accusato di essere uno stratega e di gestire i nomi dei nominati di ogni settimana. Non è uno che le manda a dire, anzi, si è dimostrato coraggioso e pronto a discutere.