La storia tra Gemma e Giorgio corre veloce, anzi velocissima. Gemma è sempre più innamorata e Giorgio si barcamena tra promesse sibilline alla dama e nuove conoscenze con le tante donne che sono pronte a corteggiarlo. Quello che è successo ai microfoni di una trasmissione radio però, non ce lo aspettavamo. Tina, intervistata da 'I radioattivi' si è lasciata scappare un'anticipazione a dir poco sconcertante.

Dove eravamo rimasti?

Vista la complessità della storia tra Gem&George, non è certo semplice fare il punto della situazione. Tra gli avvenimenti più importanti, ci sono le segnalazioni dei social su Giorgio, che pare sia iscritto ad una agenzia di spettacolo di Los Angeles in qualità di attore e anche ad un sito per cuori solitari.

Giorgio non si è mai dichiarato per Gemma e nemmeno si considera impegnato, facendo presente a tutti che si sta comportando in modo assolutamente onesto. Nelle ultime puntate sta conoscendo diverse donne venute da tutte le parti d'Italia per corteggiarlo. In un primo momento, aveva promesso a Gemma che non sarebbe uscito con nessuna, almeno finché stava con lei. La parola però non è stata mantenuta, dal momento che è andato a cena con Silvia in un ristorante bolognese. Gemma l'ha presa malissimo.

L'intervista senza freni di Tina Cipollari

Nella trasmissione radiofonica 'I Radioattivi', andata in onda su Radio Club 91, è stata intervistata la storica opinionista di Uomini e donne, Tina Cipollari. Quando i due conduttori Ettore Prataroli e Rosario Verde le hanno chiesto come procedesse tra la coppia più seguita del momento, quella appunto di Gemma e Giorgio, la sua risposta ha lasciato intendere una brutta realtà: 'Presto vedrete Gemma in lacrime. La puntata non è stata ancora registrata, ma sarà a breve'.

I migliori video del giorno

Che cosa avrà fatto intendere Tina? Da alcune indiscrezioni, sembra che Giorgio e Gemma si siano davvero lasciati, ma la notizia non è ufficiale. In attesa delle prossime puntate in cui sapremo cosa è successo, non ci resta che seguire il Trono Over.