Giorgio Manetti è senza ombra di dubbio il protagonista maschile del Trono Over 2015. Bello, affascinante e misterioso, ha conquistato il cuore di Gemma Galgani, che non batteva da molto tempo. Gemma però sta facendo i conti con la sua personalità non facile e con il fatto di dover combattere con le tante corteggiatrici venute apposta per lui. Ma chi è veramente Giorgio? Scopriamolo insieme.

Giorgio Manetti, George o il Gabbiano?

Quando si parla di Giorgio, non si sa bene come identificare quest'uomo. Giorgio Manetti per l'anagrafe, George per la sua dama Gem e il Gabbiano per ricordare il suo pensiero di vita. Giorgio ha infatti ribadito più e più volte il fatto di non essere innamorato di Gemma e di voler inseguire i sogni del momento, più che l'amore duraturo.

La sua filosofia non piace molto al pubblico femminile, che vorrebbe una sistemazione affettiva per la sfortunata Gemma Galgani, che in cinque anni di programma ha ricevuto solamente delusioni. Purtroppo, molti comportamenti di Giorgio non lasciano ben sperare: dalla sua non dichiarazione per Gem ai rumors che lo vedrebbero ambire al mondo dello spettacolo. Nel web circola infatti da settimane la scheda relativa all'iscrizione ad una nota agenzia di talent di Los Angeles. La delusione di Gemma non è tanto per la voglia di visibilità dell'uomo, quanto per il suo desiderio di conoscere altre donne.

Qualche curiosità su Giorgio

Giorgio Manetti è nato a Firenze il 28 aprile 1956. Ha quindi 56 anni ed è del segno zodiacale del toro, noto per la sua passionalità e per il fervore nel portare avanti le proprie idee.

I migliori video del giorno

Ha vissuto per molto tempo a Los Angeles e sa parlare benissimo l'inglese. Ama la vita all'aria aperta, la libertà e il mare. Come si può intuire, il suo libro preferito è Il Gabbiano. Giorgio non ama particolarmente la televisione, anche se ha un debole per il Maurizio Costanzo Show. Il cavaliere piace proprio così, per la sua aria sognatrice e per un aspetto decisamente affascinante, che ricorda gli attori americani degli anni Quaranta. Qualcuna riuscirà a fermare il suo volo?