Chi ha vinto la sfida auditel della giornata di ieri, venerdì 29 aprile 2016? In programma c'era il 'primo match' tra il varietà di Canale 5, Ciao Darwin 2016 condotto da Paolo Bonolis e Luca Laurenti e la prima puntata de I Migliori anni, lo show revival di Raiuno condotto da Carlo Conti e Anna Tatangelo, che ha segnato il ritorno del conduttore toscano in prime time dopo i fatsi del Festival di Sanremo. Chi ha avuto la meglio tra questie due mattatori della tv italiana?

Boom di ascolti per Ciao Darwin

Gli ascolti della giornata di ieri 29 aprile rivelano che ancora una volta ha trionfato lo show di Canale 5, Ciao Darwin, che con la settima puntata caratterizzata dalla sfida Giovani contro Mature, si è portato a casa una media di circa 5.6 milioni di spettatori arrivando a toccare la soglia del 29% di share.

Un risultato a dir poco 'monstre' per la rete ammiraglia della tv commerciale, che grazie allo show di Bonolis ha registrato picchi di oltre il 40% nel corso della serata e un boom di commenti sui social attraverso l'hastah ufficiale.

Eppure malgrado il grande successo di questa edizione, in grado di battere le repliche di Montalbano e lo show evento Laura e Paola, questa potrebbe essere l'ultima edizione di Ciao Darwin, visto che si fanno sempre più insistenti le voci riguardanti un possibile ritorno di Bonolis sugli schermi Rai.

Debutto 'tiepido' per I migliori anni di Carlo Conti

Per quanto riguarda, invece, la prima puntata de I migliori anni con Carlo Conti, vi diciamo che è stata seguita da una media complessiva di 4.4 milioni di spettatori pari ad uno share che ha sfiorato il 21%.

Un risultato abbastanza positivo per lo show ma non proprio entusiasmante al massimo, visto che in molti si attendevano una media superiore ai 5 milioni di spettatori. Da segnalare, inoltre, gli ottimi ascolti dello show di Maurizio Crozza in onda su La7, seguito anche ieri sera da una media di circa 2 milioni di Italiani con uno share che ha sfiorato il 9% di share. Il programma di Rete 4, Quarto Grado, invece si è accontentato di una media di un milione e mezzo di spettatori.