Dalla famiglia Kennedy a Emma Marrone sono tanti i Vip che in questi giorni stanno manifestando la loro solidarietà nei confronti dei terremotati di amatrice, Accumoli e zone limitrofe e non sono mancate nemmeno frasi fuori luogo che hanno scatenato l'ira degli utenti. Sono sempre i navigatori del web a dimostrare per primi il dissenso per immagini e dichiarazioni ritenute "fuori luogo".  E' il caso di Emma Marrone, attaccata dai social si è difesa su Twitter utilizzando l'hashtag #sciacallidellapolemica.

La famiglia Kennedy e l'amatriciana

Non solo la rete, ma anche i più importanti telegiornali nazionali hanno mostrato il video della famiglia Kennedy.

A Washington la famiglia più potente d'America ha espresso la propria solidarietà alle vittime del Terremoto nel centro Italia divulgando un video in cui, Ethel Skakel, moglie di Robert Kennedy ucciso nel 1968 e tutta la sua famiglia al completo dicono in coro: "ti amo Amatrice", mentre tengono in mano un piatto di amatriciana.  

Emma Marrone attaccata dal web

Emma Marrone come Fiorella Mannoia che ha messo a disposizione un hotel per accogliere gli sfollati, si è data da fare per aiutare i sopravvissuti dal sisma. La cantante ha utilizzato i suoi profili per sensibilizzare i suoi fan a donare qualche euro per l'emergenza terremoto. Su Facebook, Twitter e Instagram la salentina ha postato i messaggi resi pubblici dalla Protezione Civile e dalla Croce Rossa per raccogliere fondi a sostegno degli sfollati.

I migliori video del giorno

Alcuni fan però non hanno gradito il gesto della Marrone e le hanno scritto dei messaggi al vetriolo. 

Tanta solidarietà e poca generosità

Tra i post inviati a Emma Marrone si legge di gente che la invitano a donare più di due euro, (il valore di un sms) e di utilizzare il proprio iban per una donazione più sostanziosa. Altri accusano i Vip di non distinguersi molto in fatto di generosità. Altre persone hanno difeso la loro beniamina, ma Emma non ha certo bisogno di essere difesa da nessuno: infatti ha risposto in prima persona ai diretti interessati, invitandoli a tacere, poiché sensibilizzare i propri fan a donare qualche euro non significa fare scena, ma fare qualcosa di utile, poi ha chiuso la discussione con l'hashtag "#sciacallidellapolemica".