Barbara D'Urso fa sempre parlare di sé, ma questa volta non è dipeso direttamente da lei, ma da un suo ospite molto famoso nella trasmissione di Pomeriggio 5 di ieri 16 settembre,  il ginecologo Severino Antinori. Il professionista ha offeso pubblicamente in diretta televisiva la conduttrice e nello studio è calato il gelo totale.

Questa "p..." ha detto il falso

Severino Antinori è un medico specializzato in ginecologia, protagonista degli ultimi fatti di cronaca perché accusato di un presunto furto di ovuli ai danni di una ragazza spagnola. Per questo motivo è stato anche tratto in arresto. Antinori in diretta televisiva ha proferito la seguente frase: "Ha detto il falso questa p...".

Dopo pochissimi istanti la reazione di Barbara D'Urso che, a dire il vero, è stata molto professionale: "Credo che lei non si renda conto di essere in diretta", infatti in quel momento non doveva essere intercettato da telecamere e audio. Inizialmente non si era capito se l'offesa fosse rivolta alla conduttrice, oppure a qualcun'altra che era insieme a lui in esterna, ma al nuovo collegamento in studio Antinori conferma: "Signora D'Urso, impari a fare la giornalista, io sono stato accusato ingiustamente da innocente e per questo ho fatto anche il carcere". 

Le sentenze si danno in Cassazione

Il ginecologo ha poi continuato a inveire contro la D'Urso, asserendo che le sentenze si danno in Cassazione e poi ha aggiunto: "Io la querelo!". A quel punto la conduttrice non ha più retto il confronto e con fare molto nervoso gli ha risposto senza mezze rime: "e allora mi quereli!".

I migliori video del giorno

Naturalmente la notizia ha subito fatto il giro del web ed i social sono letteralmente impazziti: il pubblico ha postato anche una marea di commenti. Nella migliore delle ipotesi, adesso ci sarà uno strascico giudiziario a suon di querele da entrambe le parti.

Se vuoi rimanere aggiornato su questo specifico argomento, oppure su tutti gli articoli proposti da questo autore, clicca sul tasto 'segui' vicino al nome ad inizio articolo.