Giancarlo Magalli ha commesso una gaffe incredibile a "I Fatti Vostri". Più che del conduttore, l'errore, clamoroso, è stato degli autori del programma. In uno dei giochi della trasmissione, quello in cui viene chiamato il numero di un utente delle "pagine bianche" per permettergli di vincere  un minimo di 500 euro, è stato composto il telefono di una persona deceduta, quello della signora Anna. Gelo in studio e Magalli che prova a cavarsela con diplomazia. 

"La signora Anna è morta"

Giancarlo Magalli ha vissuto momenti sicuramente migliori a "I fatti vostri", nota tramissione della Rai. A "Pronto i fatti vostri", gioco clou della trasmissione, si sono vissuti attimi di forte imbarazzo.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Anticipazioni Tv

Lo svolgimento del game è il seguente: il conduttore telefona a casa di una persona sorteggiata, alla presenza di un funzionario della Camera di Commercio, dall’ultima edizione degli elenchi cartacei “Seat Pagine Bianche”.

Se questi, alzando la cornetta, risponde "I fatti vostri" vince il montepremi che va da un minimo di 500 a salire (100 euro per ogni chiamata precedente con la risposta sbagliata). Peccato che, quando, questa volta Magalli ha chiesto : "Pronto, signora Anna?" dall'altra parte della cornetta ci sia stata una risposta inequivocabile: "No, la signora Anna è morta". La faccia di Gabriele Cirilli, a fianco di Magalli era tutto un programma e lo stesso conduttore si è trovato in grande difficoltà. Dopo essersi scusato e aver agganciato la cornetta, ha tentato di rimettere a posto la situazione dicendo: "ora deciderà il notaio. Non è mai successo prima". 

Errore degli autori

A "I fatti vostri", Giancarlo Magalli si è trovato in grave difficoltà. Il conduttore, infatti, ha chiamato al telefono una donna, la signora Anna, deceduta.

I migliori video del giorno

E' un evento che, come ha detto il presentatore, non si era mai verificato prima. Va detto che, in questo caso, la colpa è degli autori del programma. Il nome di chi chiamare, viene, infatti, sorteggiato alla presenza di un funzionario della Camera di Commercio, dall'elenco di "Seat pagine bianche". Forse, però sarebbe ora di verificare chi è possibile chiamare e chi no. Una telefonata "esplorativa" sarebbe la cosa migliore, anche per evitare in seguito altre figuracce. Del resto, molti abbonati si dimenticano di chiamare il servizio  "pagine bianche" per cambiare intestatario all'utente. Nell'epoca in cui l'informazione viaggia velocissima, errori simili non sono accettabili.