nina era arrivata nella seconda stagione di Braccialetti Rossi (che incontreranno i fan in un incontro a Napoli) non facendosi amare immediatamente, anzi tutt’altro. I fan hanno visto in lei la minaccia all’idillio d’amore tra Leo e Cris, ma con il passare delle puntate hanno imparato a conoscere una ragazza forte e sensibile, ma soprattutto un’incredibile attrice come Denise Tantucci che è riuscita a dare uno spessore a Nina rendendola un personaggio unico nella grande famiglia di Braccialetti Rossi. Il bacio con Leo e il suo rapporto con il leader si sono evoluti diventando un’amicizia sincera, pura, in grado di far riflettere a volte sulla confusione dei sentimenti.

Nina, l'essenza d'essere un braccialetto rosso

Il finale della seconda stagione è stato pazzesco, unico, con Nina in grado di ridare tutto ciò che aveva ricevuto da Leo e nonostante non sia andata sull’isola insieme al gruppo per tutti i fan di Braccialetti Rossi era lì anche lei. Un personaggio meraviglioso, che ha avuto momenti d’amore prima con Vale e poi con il dott Baratti, che ha vissuto la vita troppo poco ma molto intensamente rendendola vera e autentica. La sua preoccupazione verso i genitori non era per la sua malattia, ma per non far scoprire a loro le sue condizioni. L’ennesima prova di un altruismo smisurato che l’ha portata in questa sesta puntata a diventare il simbolo di Braccialetti Rossi.

La sofferenza più matura e straziante per i fan

Se Leo rappresenta la lotta estrema per la vita Nina rappresenta i valori di altruismo, bontà e condivisione.

I migliori video del giorno

Il suo dialogo con Davide nella piscina e la sua empatia per permettere a Bobo di ricevere il cuore che l’avrebbe fatto vivere sono un gesto straordinario. Nina se ne è andata con il suo sorriso e il suo sguardo in grado di emozionare sempre senza se e senza ma, nella puntata forse più commovente di Braccialetti Rossi. Chiunque sia in grado di provare sentimenti non può non aver sofferto, una sofferenza diversa da quella di Davide e forse più matura e drammatica. Ora Nina continuerà a battere nel gruppo in un messaggio che invita a donare i propri organi quando si può. Grazie a Denise Tantucci per averci regalato due stagioni di Nina, ci mancherà in un modo che è difficile da esprimere.