Il 'caso Higuain', nato in seguito alla pubblicazione del brano 'Higuain' da parte del rapper napoletano Enzo Dong, era diventato nelle scorse settimane una sorta di problema nazionale, dato che secondo molti, all'interno del pezzo erano presenti delle minacce di morte nei confronti del calciatore argentino. In realtà si era trattato solo ed unicamente di un enorme malinteso, emblematico di quanto il registro linguistico del rap sia ancora fondamentalmente incompreso dai media generalisti italiani; ospite di Piero Chiambretti negli studi di Matrix, il 29 ottobre scorso l'autore del brano ha finalmente avuto la possibilità di spiegare in televisione il senso delle sue liriche.

Il caso Higuain

Il 10 ottobre 2016, il rapper napoletano Enzo Dong ha pubblicato il video del pezzo 'Higuain', il ritornello della canzone recita 'Mi diverto solo se a morire è un Higuain', questa frase è stata travisata da alcuni organi di stampa che l'hanno interpretata come una minaccia di morte all'ex calciatore del Napoli attualmente in forze alla Juventus, quando invece la parola 'Higuain' è da intendere come perno di una metafora, come puntualizzato dal diretto interessato, che il giorno seguente all'uscita del video si è visto costretto a fare alcune precisazioni. Di seguito le sue parole: "Non ho augurato la morte ad Higuain ma ho cantato un coro da stadio che recita 'Mi diverto solo se a morire è uno sbirro' cambiando il nome in questione per dedicarla a chi nella mia vita, persone di mia conoscenza, hanno tradito me, come un po' ha fatto Higuan con il Napoli".

I migliori video del giorno

Le precisazioni da Chiambretti

Nonostante le precisazioni, il malinteso si è permeato nell'immaginario collettivo nazionale e la notizia è stata diffusa da molti organi di stampa. Il 29 ottobre scorso, durante una puntata di Matrix condotta da Piero Chiambretti, Enzo Dong ha finalmente avuto l'opportunità di spiegare quale fosse la sua reale intenzione, successivamente il rapper ha anche deciso di postare il video dell'intervista sulla sua pagina facebook, nella speranza di sciogliere ogni dubbio relativamente alla questione.