Dopo l'arresto Fabrizio Corona è stato interrogato dal Giudice per le indagini preliminari, il 13 ottobre scorso. A lui, in tribunale, l'ex Re dei Paparazzi ha confessato alcuni retroscena della sua vita professionale e privata. In particolare, ha dichiarato di essere riuscito a guadagnare anche centomila euro al giorno, lavorando incessantemente 24 ore su 24, sette giorni su sette. I soldi gli arrivavano non solo dalle serate in discoteca, ma anche da una serie di attività cui si è dedicato a partire da dicembre del 2015: tra le altre cose, ha realizzato anche un documentario ed una pellicola cinematografica. E Corona ammette di aver ricevuto la maggior parte dei pagamenti in nero dai suoi clienti.

Un monologo per discolparsi dalle accuse

Era nelle sue intenzioni, però, dichiarare al Fisco sia l'1,7 milioni di euro ritrovato nel controsoffitto della casa di Francesca Persi, che i 900 mila euro portati in Austria. Corona stesso si autodefinisce "una macchina da soldi" nel suo monologo davanti al giudice Guidi, aggiungendo che tutto il denaro appartiene in realtà ad Atena, la società intestata alla fedelissima collaboratrice Persi. Per poter continuare a lavorare mentre si trovava in affidamento ai servizi sociali, Corona ha dovuto ricorrere ad alcuni prestanome. 

Quanto spende al mese Fabrizio Corona?

"Spendo cinquemila euro al mese", ha dichiarato Corona in tribunale, specificando quali sono i lussi che fino ad oggi si è concesso: un personal trainer, una cameriera, una macchina in leasing da duemila euro al mese.

I migliori video del giorno

Ai curiosi che gli hanno chiesto se, uscito dal carcere, avesse rivisto la vecchia fiamma Belen Rodriguez, Corona ha risposto che non avrebbe potuto mai incontrarla perché ha sempre condotto una vita piuttosto ritirata: lavoro, casa e nuova fidanzata. 

Un personaggio controverso

Non sappiamo come si metteranno le cose per Fabrizio Corona, che è tornato in carcere dopo aver assaporato per qualche mese la libertà. Come sempre sul suo personaggio le reazioni della gente si dividono più o meno equamente tra chi lo difende (" in fondo non è un criminale pericoloso, in giro c'è di peggio"), e chi invece ritiene che sia giusto il suo ritorno dietro le sbarre ("ha sbagliato e per questo deve pagare"). Una cosa è certa: nel bene e nel male Fabrizio Corona non smette di far parlare di sé.