Rocco Siffredi noto attore di quei film diciamo “a luci soffuse non ci sta. Si è stancato e annuncia querela. Querela per tutti quei giornali e siti che alcuni giorni fa lo hanno visto protagonista di una vicenda in un ristorante di Santa Margherita Ligure. L’episodio secondo la notizia riportata risalirebbe ai primi giorni di novembre, quando l’attore entra in un ristorante accompagnato da alcune persone per consumare una cena.

Ad un certo punto il clima si sarebbe surriscaldato e Siffredi avrebbe dato “spettacolo” con due donne all’interno della toilette del ristorante. A questo punto i clienti presenti nel locale si sarebbero lamentati con i proprietari, visto che dal bagno arrivavano gemiti inconfondibili, i quali invitavano l’attore ed i suoi accompagnatori ed abbandonare il locale.

Se tutto questo fosse vero, più di immaginarci la scena di cosa stava accadendo nella toilette (scena alquanto deduttiva), dovremmo chiederci quali interessi Siffredi avrebbe avuto a far parlare di se, compiendo un atto privato in un luogo pubblico, così deplorevole. Un autogol denigratorio anche per un attore come Siffredi.

L’attore abruzzese, che non ha bisogno di popolarità, avrebbe trovato sicuramente altri sistemi per riempire le pagine dei giornali, soprattutto dopo l’uscita del docu-film sulla sua vita e alcune voci che lo vedrebbero inviato della nuova edizione dell’Isola dei Famosi. Infatti lo stesso Siffredi, smentisce tutto al “FattoQuotidiano.it”, anzi annuncia querela. Secondo le dichiarazioni rilasciate, non sarebbe successo nulla di quanto descritto.

Il docu-film è stato presentato a Parigi, patria dei due registi Thierry Demaizière e Alban Tuerlai, dove ha ottenuto un enorme successo di pubblico e di critica, tanto da far chiudere le biglietterie per il troppo afflusso di persone.

I migliori video del giorno

La Francia occupa un posto particolare nei pensieri di Siffredi, lontana da quel – “bigottismo tipico italiano” – come lui stesso afferma, tanto è vero che il quotidiano Le Monde gli ha dedicato la copertina del suo supplemento settimanale.