Nella terza serata del festival di #Sanremo - dedicata alle cover e condita da qualche intoppo di tipo tecnico - c'erano tra gli invitati anche Luca e Paolo, famosi per Camera Café, la conduzione de Le Iene e la conduzione di Colorado. Hanno costruito uno sketch sulle loro paure, alcune serie, altre semiserie e altre ancora comiche. Alla fine dell'intervento è arrivata sul palco anche Maria De Filippi che ha detto una frase facilmente collegabile alla polemica che ha visto protagonista Caterina Balivo che aveva attaccato l'abbigliamento di #DilettaLeotta anche in relazione al contenuto del suo intervento.

Pubblicità
Pubblicità

Lo sketch di Luca e Paolo

Prima di cominciare ad elencare le loro paure, i due hanno fatto qualche battuta sulla presenza di Maria De Filippi, dicendo "era l'unica di Amici che non aveva ancora invitato". Poi una battuta sull'intervento della Leotta stessa e sui Riciclados, paragonati ai politici che si sono riciclati nelle varie legislature. "Questo è il secolo della paura" così hanno dato inizio alla parte principale dell'intervento.

Pubblicità

Paura di risvegliarsi e di trovare che è tutto cambiato o, anche, di ritrovare tutto esattamente com'è, paura delle curve, dei citofoni solo con i numeri, paura di quelli che spiegano il senso della vita e così via.

Maria e la difesa di Diletta Leotta

Verso la fine dell'intervento e dopo qualche battuta efficace sulla paura di perdere tutto per il conto in Banca Etruria e la paura dell'ignoto, tipo Raige e Giulia Luzi, fa il suo ingresso sul palco dell'Ariston Maria De FIlippi, che comincia a elencare le sue paure.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Maria De Filippi Festival Sanremo

E tra queste: "Mi fanno paura quelli che quando ti ascoltano stanno attenti al vestito che hai addosso piuttosto che alle cose che hai da dire". E proprio questa frase sembra proprio una risposta, neanche tanto velata, alle polemiche scaturite dal tweet di Caterina Balivo. La presentatrice di Detto Fatto aveva criticato il vestito indossato da diletta leotta e, soprattutto, che con quell'abbigliamento parlasse di cyber-bullismo.

Nelle ore successive Caterina Balivo ha tentato di scusarsi, ma la corporazione che si è creata a Sanremo è davvero potente. Si difende l'ospite di Sky e non si difende una conduttrice della rete su cui va in onda il Festival. Certamente, un'uscita del genere se la poteva permettere Maria De Filippi e non Carlo Conti e, soprattutto, sono queste le vicende che rendono Sanremo ciò che è, non la musica.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto