Dopo il duetto canoro con Claudio Baglioni a Sanremo, franca leosini è tornata protagonista della prima serata di Rai 3 con storie maledette, con uno dei casi più dibattuti e controversi della cronaca italiana: il delitto di Avetrana. La giornalista ha riferito di aver studiato diecimila atti processuali prima di intervistare Sabrina Misseri e Cosima Serrano, condannate all’ergastolo per la morte di Sarah Scazzi. ‘Dopo averle incontrate non ho chiuso occhio', ha riferito a Il Giornale.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Anticipazioni Tv

La Leosini ha riavvolto il nastro ed ha provato a ripercorrere passo dopo passo con la Misseri quella tragica estate di otto anni fa. ‘Era un puntino tenue sulla mappa di Puglia, Avetrana.

Fino a quando, alla fine di agosto del 2010, una ragazzina con i capelli biondi come spighe di grano, improvvisamente, scomparve‘. L’eleganza e la raffinatezza con la quale la conduttrice ha affrontato il delicato argomento hanno reso ancora più affascinante narrazione e intervista. La giornalista è passata con eleganza da un linguaggio forbito a quello più popolare per trattare argomenti più intimi e stimolare l’interlocutrice.

Frasi e citazioni sono diventate virali

Frasi e sottolineature che sono diventate subito virali sul web, con Storie Maledette [VIDEO] che ha conquistato rapidamente la topic trend di Twitter. Facendo riferimento all’attività di estetista della Misseri, la Leosini ha sarcasticamente affermato: ‘Oggi anche per un foruncolo sembra ci voglia il master’ .

In riferimento al flirt della cugina di Sarah con Ivano la conduttrice ha citato Flaiano: ‘’I grandi amori si annunziano in un modo solo: appena lo vedi dici chi è questo str***?’. Sul rapporto con il ragazzo, la Leosini si è soffermata a lungo nel corso della prima parte dell’intervista con Sabrina: ‘Lei praticava massaggi a Ivano Russo, ma sembra che a muovere le mani con efficacia felicemente terapeutica fosse anche Ivano Russo su di lei’.

'Io e Sarah vittime di bullismo'

La descrizione dell’incontro in auto della Leosini è stato definito un capolavoro dai numerosi seguaci di Storie Maledette: ‘L’incauto giovanotto, mentre frenando i suoi ardori lombari s'inforcava le mutande, come si giustifica con lei?’. Dall’altra parte Sabrina ha spiegato che Sarah era la sorella che non aveva mai avuto ed ha rivelato che entrambe sono state vittime di bullismo. ‘Lei si fidava di me e frequentando amici più grandi stava iniziando a credere di più in se stessa’. La Misseri ha ammesso di aver sbagliato a rilasciare tante interviste dopo la scomparsa della cugina. ‘Oggi non lo rifarei’. Cosima Misseri si è soffermata sul rapporto con Sarah Scazzi ed ha spiegato che quando era piccola giocava con lei: ‘Ho smesso di farlo quando mi ha detto che voleva essere adottata’.