Quando negli studi di Non è l'arena di massimo giletti entra l'atteso ospite Emilio Fede, di lui, perlomeno fisicamente, è rimasto ben poco da vedere. Dimenticata l'abbronzatura ed il timbro squillante della voce, ad accomodarsi al centro, tra giornalisti che gli fanno da corona, ed il buon Giletti che gli si affianca per l'intervista [VIDEO], c'è un uomo di 86 anni con una leggera pancetta e qualche intervento pretenzioso del chirurgo estetico, che lo fa somigliare più ad Isabella Biagini che a se stesso.

Zigomi sporgenti e labbra rifatte

Il ricordo che abbiamo di lui lo si mette da parte, anche se alla fine del suo spazio, sarà il pubblico, da lui incoraggiato, a ripetere le sue parole più famose, quelle che Striscia la Notizia ancora fa intervenire in determinate situazioni, quella sua esclamazione "Che figura di m...." diventata quasi uno slogan.

Le sue arrabbiature quando era il direttore del TG4, di quando al posto della immagine di Saddam Hussein i suoi collaboratori gli misero alle spalle quella di Berlusconi, di tutte le volte che mancarono di una organizzazione degna di un TG, anche di questo ci si vuole ricordare per raccontare la parabola in discesa di un uomo che, in passato, ha dato un esempio valido di giornalismo e di correttezza.

Cosa è successo strada facendo

Massimo Giletti vuole parlare di Emilio Fede agli inizi della sua carriera, del Direttore del Telegiornale di Stato, del tg1, e vuole che sia Emilio Fede a dichiarare quanto valesse allora il suo personaggio, tanto che Aldo Moro lo aveva voluto accanto a sé durante ogni suo spostamento, mentre sullo schermo alle sue spalle spiccano le fotografie di un giovanissimo Fede che lo segue a Djerba, in bianco e nero.

Quello del tempo in cui ancora non c'erano le ragazzine a leggere, dopo il suo tg, le previsioni del tempo: l'ammirazione era solo quella per il suo lavoro, il testamento lontanissimo da ogni suo pensiero. Sì, perché nell'ottobre del 2017, sembrava che Emilio Fede sentisse la morte vicina, tanto da rivelare pubblicamente di aver fatto testamento, e di aver deciso di farsi cremare e di far disperdere le sue ceneri nel mare della sua Capri.

Un po' delusi gli ascoltatori

Chi si aspettava rivelazioni eclatanti dal direttore, è rimasto deluso. Nessuna notizia inedita, durante l'intervista di Massimo Giletti [VIDEO], ma soltanto vecchi ricordi di un uomo che si avvicina ai 90, se non le parole di Aldo Moro che presagiva la fine che avrebbe fatto, e che in una occasione glielo aveva confidato, prima del suo rapimento da parte delle Brigate Rosse.