“Non volevo crederci, pensavo che si trattasse di una notizia falsa”. Barbara D’Urso ha dedicato la parte iniziale della puntata odierna di Pomeriggio 5 alla scomparsa di Sandro Mayer, giornalista ed opinionista televisivo. “Sono rimasta scioccata perché l’avevo sentito pochi giorni fa. Poi l’ho contattato nuovamente e la figlia mi ha detto che il padre non poteva rispondere e la cosa mi aveva sorpreso perché lui è sempre molto disponibile”.

Nel corso della trasmissione televisiva è intervenuta, in collegamento esterno la figlia di Mayer. “Sarebbe diventato a breve nonno per la seconda volta” - ha spiegato Isabella al settimo mese di gravidanza.

La congiunta del direttore di Di Più ha spiegato che si è trattata di una cosa improvvisa. “Il 10 novembre è stato il mio compleanno e siamo usciti insieme, poi è stato ricoverato per un’infezione e nel giro di due settimane è andato via”.

L'aneddoto sull'età del padre e la devozione per Padre Pio

La figlia di Mayer non si è voluta soffermare sulla malattia del padre. “A lui non sarebbe piaciuto. Posso solo dire che non è morto a Roma come hanno scritto molti giornali ma a Milano”. Isabella ha svelato un aneddoto legato all’età del papà. “Sosteneva che la data di nascita indicata sull'elenco dell’ordine dei giornalisti era sbagliata e che era molto più giovane”.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Barbara D'Urso

Sandro Mayer sarebbe diventato a breve nonno per la seconda volta. “Ci teneva tantissimo, ieri sono andato a fare la visita ginecologica e prima di lasciarlo gli ho promesso che gli avrei mandato la foto della piccola. Lui mi ha sorriso e mi ha chiesto di inviarla” - ha dichiarato la figlia.

La D’Urso ha ricordato la devozione dell’ex direttore di Gente per Padre Pio. “Una volta mi raccontò di averlo sognato con un bastone e da quel giorno gli ha sempre riservato uno spazio sulla rivista”.

Maurizio Costanzo ricorda Sandro Mayer

In trasmissione è intervenuto anche Maurizio Costanzo che ha ricordato di aver lanciato Mayer come opinionista televisivo a Buona Domenica. “La morte di Sandro è stata davvero uno sgambetto, mi dispiace moltissimo. Abbiamo lavorato insieme una decina di anni, ricordo che a Buona Domenica si divertiva e ci divertivamo tantissimo. Aveva la capacità di fare dei giornali con una certa leggerezza, era molto bravo.

A luglio avevamo fatto una lunga chiacchierata ed avevo sentito il Sandro di sempre” - ha chiosato l’esperto giornalista.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto