Quando Mary, la figlia di Babbo Natale che da tempo non ha rapporti con il genitore, scopre che questi è incapace di ultimare i preparativi per i regali in seguito ad un peggioramento delle sue condizioni di salute, decide di recarsi al Polo Nord per migliorare il sistema di lavoro della fabbrica di giocattoli. La donna è infatti una rispettata manager, prossima ad una ulteriore promozione, ed è impegnata con lo storico fidanzato Luke che la accompagna nell'improbabile missione. Ma, tra inaspettati tradimenti e colpi di scena, il piano originario non andrà come previsto, costringendo i protagonisti ad una vera e propria corsa contro il tempo per salvaguardare il vero spirito del 25 dicembre.

I precedenti film del regista

Al regista Ron Underwood si devono due grandi classici dei primi anni '90, ossia Tremors e Scappo dalla città - La vita, l'amore e le vacche, ma la sua carriera successiva non ha regalato purtroppo altri lavori degni di nota. A metà dello scorso decennio il cineasta si è cimentato anche con il filone dei film natalizi, realizzando per il il netword ABC - Family, una commedia di derivazione fantastica in cui la protagonista è Jenny McCarthy, scelta inusuale in quanto l'attrice è nota per essere stata una delle più famose e venerate conigliette di Playboy.

La bionda interprete è al centro di una messa in scena canonica a dimensione di grandi e piccini e la sceneggiatura è ovviamente destinata al canonico happy ending, pur con qualche sussulto narrativo che tenta di variare parzialmente le coordinate base del genere. Santa Baby - Natale in pericolo (conosciuto anche con il titolo La figlia un po' speciale di Babbo Natale e in onda lunedì 17 dicembre alle 21.10 su Paramount Channel) ci offre il consueto scontro tra consumismo e buoni sentimenti, tra il mondo degli affari e il ritorno ad una vita semplice dove l'amore è sempre destinato a trionfare contro ogni avversità.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Cinema

La caratterizzazione del Babbo Natale di George Wendt (dalla lunga barba bianca evidentemente posticcia) è sopra le righe, con il simpatico vecchietto impegnato in corsi di pittura, lezioni di ginnastica e improvvisate jam session, e altrettanto si può dire per gli scatenati elfi prepara-regali, qui con le vesti di figuranti di bassa statura, per una modernizzazione dei canoni classici in linea con le omologhe pellicole a tema. La relazione tra Mary e il fidanzato è al centro di una manciata di storyline secondarie che tentano di sfumare l'insieme base e aumentare la durata al minimo sindacale di ottanta minuti di visione, risultante senza infamia e senza lode per una serata senza troppe pretese.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto