Il paragone tra la bella Meghan e l’indimenticabile Lady Diana era saltato subito all’occhio, sin dall’inizio del suo ingresso a corte. Adesso, l’ex maggiordomo della “principessa triste” lo conferma, non senza tradire l’emozione dei ricordi.

Nel suo intervento contenuto in un documentario televisivo, l’uomo ha parlato di “campo minato” oltre i cancelli di Buckingham Palace in cui la duchessa di Sussex potrebbe tristemente inciampare. Ecco per quali motivi.

Meghan Markle è in un “campo minato”

Nei giorni scorsi, la rete televisiva inglese Channel 5 ha mandato in onda un documentario dal titolo lapalissiano: Kate VS Meghan: Princesses at War (Kate contro Meghan: Principesse in Guerra) in cui è stata cavalcata l’onda della faida intestina a Kensington Palace tra le due duchesse, dal momento dell’ingresso di Meghan nella famiglia reale inglese.

Pubblicità

Kate Middleton, abituata ad essere la prima donna tra due fratelli blasonati, si sarebbe sentita frustrata e minacciata dalla bellezza e spirito indipendente di Meghan Markle, intransigente alle regole e capace di catturare da subito il cuore dei sudditi inglesi, dopo aver catturato quello del principe Harry, diventato suo marito.

Dalla testimonianza di Paul Burrel, ex maggiordomo fedelissimo di Lady Diana, si evince chiaramente il suo punto di vista: “Buckingham Palace è un campo minato per chiunque vi entri per la prima volta.

Tutti mettono trappole, non saranno di certo stati gentili con questa ragazza.” L’antidoto proposto? L’amore vero, quello per Harry, e un pizzico di intelligente furbizia che suggerisce di stare molto vicina alla Regina".

L’intesa speciale tra Meghan e la Regina

E’ proprio la Regina, infatti, l’unica della famiglia reale ad aver dimostrato un'ottima disposizione d’animo nei confronti della bella americana, invitandola in occasioni particolari e offrendole consigli oltre che la compagnia della sua dama personale, al fine di avviarla velocemente alle “best practices” di corte.

Pubblicità

Un trattamento d’onore che Kate Middleton avrebbe visto come “trattamento speciale” e che avrebbe, quindi, mal digerito. Da qui, il suo irritamento sulla “questione Meghan”, manifestato con sguardi al vetriolo e qualche parola di troppo e che, infine, sarebbe sfociato nella “cacciata da Kenington Palace” verso l’ameno cottage di Frogmore House.

La Regina Elisabetta II, come sempre, tira dritto per la sua strada e, forte dell’intesa speciale con la duchessa di Sussex, avrebbe affidato a Meghan il patrocinio del London National Theatre, una struttura particolarmente cara alla Regina e in linea con la precedente carriera artistica della Markle.

Meghan Markle simile a Diana Spencer

L’ex maggiordomo della “principessa del popolo” Lady D, ossia l’iconica Diana Spencer, non ha dubbi sulla somiglianza tra le due donne, tanto da spiegare come starebbero le cose a corte. “Meghan Markle si sta comportando come Diana, si sta tagliando un ruolo in questa vicenda.” – ha dichiarato Paul Burrell a Channel 5, ed ha aggiunto una triste premonizione: “La cosa più triste di questa storia è che finirà allo stesso modo”.

L’unico modo per sfuggire a questo triste destino è un intervento esterno, ossia qualche anima pia che, passando da Palazzo, le dica come funzionino davvero le cose oltre il cancello reale.Sempre che Meghan Markle, infrangi-regole per eccellenza, sia disposta ad ascoltare….

Pubblicità