Ieri si è conclusa la 69^ edizione del Festival di Sanremo condotto da Claudio Baglioni con la partecipazione di Virginia Raffaele e Claudio Bisio, e al termine della serata è stato svelato il nome del trionfatore di quest'anno. I tre artisti che si sono contesi la vittoria sono stati Ultimo, Il Volo e Mahmood. Ad avere la meglio - smentendo i pronostici della vigilia - è stato Mahmood, che ha conquistato il primo posto con il brano "Soldi", battendo il super favorito Ultimo che, durante la settimana, aveva scalato le classifiche di vendita con il suo pezzo sanremese.

Pubblicità

L'interprete di "I tuoi particolari" durante l'incontro con la stampa tenutosi alla conclusione della kermesse musicale non è riuscito a mascherare un certo nervosismo per il suo secondo posto, attaccando anche i giornalisti.

La sconfitta di Ultimo alla finale di Sanremo 2019

Dopo la finalissima del Festival di Sanremo, Ultimo è apparso a dir poco furioso durante la conferenza stampa che si tiene tradizionalmente all'Ariston con i tre finalisti della manifestazione canora. Il giovane artista romano ha subito precisato che non ha mai avuto la pretesa di prendere parte al Festival per portarsi a casa la vittoria, così come hanno scritto in queste settimane diversi giornalisti.

Inoltre ha accusato la stampa di avere la presunzione di giudicare tramite una singola esibizione la carriera dei prossimi 20 anni di un artista: "La mia vittoria sono i live, la gente che mi vuole bene, che si riconosce in quello che scrivo", ha aggiunto il cantante.

Il colpo di scena è arrivato nel momento in cui Ultimo si è complimentato con il "ragazzo" Mahmood, vincitore di Sanremo. A questo punto in sala stampa si è sentito un po' di brusio, e qualcuno ha fatto notare al cantante che il termine "ragazzo" rischiava di risultare poco rispettoso nei confronti del collega.

Pubblicità

Ultimo sbotta contro i giornalisti del Festival di Sanremo

"Ho detto ragazzo, come dovevo dire, l'uomo Mahmood?", ha replicato uno stizzito Ultimo ai giornalisti, aggiungendo: "Voi avete solo questa settimana per sentirvi importanti e rompete il ca**o". Insomma, il cantautore 23enne è apparso decisamente nervoso per come sono andate le cose, forse consapevole del fatto che la sua sconfitta non è stata causata dalla mancanza di voti da parte del pubblico da casa, bensì dal fatto che le due giurie tecniche gli abbiano dato delle valutazioni basse che non gli hanno consentito di aggiudicarsi la vittoria finale.

Nelle battute finali del suo intervento in conferenza stampa, Ultimo ha ammesso che, pur non essendo "inca***to", è piuttosto amareggiato per come sono andate le cose al Festival. "Non sono uno che, al contrario di altri, ha bisogno di crearsi un velo di finzione davanti. Qui gli artisti vengono con un'idea ben precisa", ha chiarito il cantautore capitolino, spiegando che il suo obiettivo è quello di puntare sempre all'eccellente, non semplicemente al buono.