Già dopo la pubblicazione del nuovo album di Irama, 'Giovani', risalente ad ottobre, c'erano state delle polemiche riguardanti un brano di nome "Stanotte" nel quale il cantautore scrive di aver "fatto a pugni con quel trans". Questa frase secondo molti sarebbe stata transfobica ma dopo le giustificazioni di Irama la polemica era caduta nel vuoto. Ora che "Stanotte" è diventata un singolo, le polemiche ricominciano, soprattutto da Vladimir Luxuria.

Vladimir: 'Irama dovrebbe avere più cura dei messaggi che lancia'

All'interno della canzone criticata, Irama dice: "Voglio chiudermi in un bar, poi spogliarti sulla metro / fare a pugni con quel trans". Soprattutto in considerazione del periodo delicato che si sta vivendo, Luxuria e molti altri si sono scagliati contro il brano che istigherebbe alla violenza, all'omofobia e alla transfobia.

Vladimir si è schierata contro il brano soprattutto in considerazione del fatto che Filippo Maria Fanti - vero nome dell'ex vincitore di Amici - ha intitolato il suo album "Giovani" ed è proprio a questi ultimi che tende sempre a rivolgersi.

Fare a pugni con un trans sembra una delle attività da svolgere durante una serata, e perciò sarebbe diseducativo nei confronti delle nuove generazioni.

Attraverso Twitter, l'opinionista ha spiegato che bisognerebbe dare più peso, soprattutto in questo periodo storico, alle parole utilizzate nelle canzoni in particolar modo dirette ai giovani.

Luxuria: 'Messaggio terribile e pericoloso', Irama: 'Le persone non capiscono l'italiano'

Vladimir Luxuria ha spiegato che il messaggio lanciato in "Stanotte" avrebbe dovuto scuotere ulteriormente le persone, esattamente come sarebbe accaduto se Irama avesse scritto "fare a pugni con un nero o con un ebreo", in quanto si tratta di categorie generalmente discriminate.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Gossip Amici Di Maria

Ad ogni modo il cantante aveva già preso le distanze da queste polemiche, e aveva specificato di aver scritto "fare a pugni con QUEL trans", non con "un" trans in generale, e dunque di starsi riferendo ad una persona specifica con la quale aveva effettivamente litigato.

"Questo non ha nulla a che fare con l'omofobia. Io lancio messaggi in italiano, se le persone non colgono la nostra lingua non deve essere un problema mio", aveva dichiarato il vincitore di Amici ad ottobre, dopo che le polemiche erano insorte.

Ora si aspetta una nuova risposta alla questione da parte sua.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto