A cose fatte, Barbara D'Urso ha provato a rimediare, scusandosi per il brutto momento vissuto nel suo salotto televisivo: la violentissima aggressione verbale di Vittorio Sgarbi a Vladimir Luxuria, durante la puntata dello scorso lunedì sera di Live Non è la D'Urso.

Solo ieri, a distanza di due giorni, la conduttrice nello spazio della cronaca di Pomeriggio Cinque, ha fatto in diretta le sue scuse all'opinionista travolta dagli insulti del critico d'arte. Forse la D'Urso voleva arginare le polemiche, invece risorte: a molti le sue scuse sono apparse tardive.

E 'Vladi', da parte sua, sembra averle accettate con riserva.

'Sgarbi è inarrestabile', le scuse di Barbara D'Urso

"Mi dispiace che questo sia accaduto in una mia trasmissione": ieri, nel corso del suo programma Pomeriggio Cinque, Barbara d'Urso ha trattato un caso di omofobia: la storia di un ragazzo insultato e picchiato perché gay. La conduttrice ha preso la palla al balzo per scusarsi in qualità di padrona di casa per quanto accaduto nel suo studio televisivo lo scorso 18 novembre durante l'ultima puntata di Live Non è la D'Urso.

In quel contesto, uno Sgarbi più furente del solito, alla presenza del giornalista Vittorio Feltri, per una volta sopravanzato dall'irruenza del suo omonimo, ha attaccato ferocemente Luxuria fino ad associare l'ex parlamentare alla prostituzione apostrofandola con insulti pesantissimi. "Sentirsi vittima del branco non è bello, sono stata così male che non ho dormito", ha dichiarato il giorno dopo Luxuria a Fanpage, dicendo di voler dimenticare quanto è accaduto, proponendosi di stare più attenta d'ora in poi agli interlocutori che avrà.

Ieri, la conduttrice di Pomeriggio Cinque ha riferito al pubblico che dopo la diretta di lunedì sera lei e Vladi si sono sentite e scritte, l'opinionista e attivista le ha mandato un cuore rosso. "Io amo Vladi, lei lo sa e ce lo siamo dette anche l’altra notte", ha chiarito l'attrice napoletana dichiarandosi dispiaciuta, ma al contempo giustificandosi: Sgarbi "in versione fiume in piena", sarebbe stato incontenibile e l'ex parlamentare, l'unica che secondo la D'Urso riuscirebbe a gestirlo e a tenergli testa, evidentemente era invece in un momento di fragilità.

Al punto che non è riuscita a replicare alla violenza verbale del critico come avrebbe voluto. Né la conduttrice l'ha arginato.

Il tweet di Vladi

Scuse accettate? Dal contenuto del 'cinguettio' di Vladi sembrerebbe con riserva. L'ex parlamentare, la prima persona transgender ad essere eletta al parlamento di uno Stato europeo, ha infatti scritto che omofobia e transfobia vanno combattute sempre, anche in uno studio televisivo. Parole che sembrerebbero contenere una sottile nota di rimprovero verso la padrona di casa che durante l'aggressione di Sgarbi non l'ha difesa, né ha preso posizione, eccetto invitarlo a calmarsi, a non dire parolacce e cercare di cambiare argomento.

"Ma tu che diritto hai di parlare della mia vita"?, ha replicato Luxuria alterata alle parole forti e offensive di Sgarbi, per poi soccombere.

Scontri televisivi

Di scontri televisivi, Luxuria ne ha già avuti in precedenza. Nel 2006, con Alessandra Mussolini che nella trasmissione di Bruno Vespa, Porta a porta, apostrofò la transgender con insulti sessisti. C'è stato, poi, un duro scontro a Carta Bianca, programma di Bianca Berlinguer, tra lei e Asia Argento in merito al caso delle molestie del produttore cinematografico Weinstein, fino poi a un ripensamento di Luxuria e a una lettera di scuse ad Asia Argento.

Tra i molteplici scontri con la parlamentare Daniela Santanché, l'anno scorso ce ne è stato uno scaturito dalla partecipazione di Vladi al programma Rai 'La lavagna'. In esso, nei panni di maestra, Vladi ha parlato ai bambini della classe di bullismo, ma è stata poi accusata dall'attuale esponente di Fratelli d'Italia di fare propaganda transgender. C'è stato un botta e risposta sui social a cui è seguito un acceso confronto tra le due a Non è l'arena di Massimo Giletti che l'ha ospitate. Niente, però, a confronto di ciò che ha scatenato il celebre critico d'arte. Molti follower ora stanno dando solidarietà a Vladi, ritenendo inadeguate e tardive le scuse di Barbara D'Urso.

Per i sostenitori di Luxuria, proprio lei che da molti anni si dichiara paladina delle donne e delle persone 'lgbtq', lesbiche, gay, bisessuali, transgender e queer, per i sostenitori di Luxuria non sarebbe stata all'altezza della sua militanza, forse solo dichiarata.

Segui la pagina Gossip
Segui
Segui la pagina Barbara D'Urso
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!