La vicenda, legata all'attore Germano Bellavia di Un posto al sole, di questi giorni merita un'analisi approfondita e può riassumersi in tre atti. Nella giornata di lunedì 16 marzo l'attore (o chi per lui) ha pubblicato un video dove, con toni molto sprezzanti, inveiva contro lo stato colpevole di una pessima gestione delle comunicazioni, il che ha portato poi alle critiche alla Rai che sono risultate, per usare un eufemismo, decisamente colorite. In seguito il primo video è sparito dal profilo, (anche se ha continuato a girare ripostato da altri utenti) e l'attore ha pubblicato un secondo video dove affermava che tutto quello che ha detto era solo uno scherzo.

Infine l'attore che interpreta Guido Del Bue ha diffidato Fanpage, che per primo aveva fornito la notizia, affermando di non avere cancellato nessun video e che quella pubblicata era una bozza di una sceneggiatura privata, diffusa senza la sua autorizzazione su WhatsApp.

Il primo video: 'Voi siete la vergogna dello stato'

Nel primo video Germano Bellavia è partito con toni pacati analizzando la situazione attuale che ha costretto le persone a restare chiuse in casa, ma poi i toni hanno iniziato ad infiammarsi.

L'attore ha alzato la voce ed usato molti termini volgari per portare avanti al tesi che vedrebbe uno stato ladro, reo di non avere bloccato la moneta mangiando così i soldi di tutti commercianti. Ha poi continuando affermando che a Napoli non c'è la camorra e quella è solo un'etichetta appioppata alla città campana per ghettizzarla. Ha chiuso poi rivelando che se arrivasse il Coronavirus, andrebbe in Parlamento per contagiarli.

Il secondo video: 'Ci siete cascati?'

Nel secondo video, che potete trovare tutt'ora sul profilo Facebook ufficiale dell'attore, i toni sono totalmente diversi. Germano Bellavia, questa volta molto rilassato e sorridente, afferma di avere fatto uno scherzo per distrarre un po' le persone. Lui non si sarebbe mai permesso di parlare male dello Stato, che gli ha consentito di lavorare in serenità per 24 anni.

La questione sarebbe quindi chiusa con l'attore che si scusa affermando, che era solo un esperimento di recitazione per intrattenere il pubblico, ma la questione non si è chiusa qui.

'È il testo recitato di una bozza di sceneggiatura'

L'ultimo atto di questa vicenda vede un'ulteriore dichiarazione di Germano Bellavia, l'attore ha precisato che il video che gira è stato pubblicato in modo irregolare tramite WhatsApp senza nessuna sua autorizzazione. L'attore che interpreta Guido in un posto al sole, aggiunge che quel filmato era una bozza di una sceneggiatura e che, in virtù degli ultimi eventi, agirà per vie legali per tutelarsi in merito alla violazione della privacy.

A questo punto non resta che attendere per scoprire se ci saranno nuovi sviluppi legati a questa vicenda.

Segui la nostra pagina Facebook!