Lino Guanciale dice addio a Claudio Conforti. L'attore nato ad Avezzano, infatti, ha più volte confermato che non prenderà parte alle riprese della quarta stagione de L'Allieva, la celebre fiction basata sui romanzi di Alessia Gazzola. In passato, il 41enne ha più volte sottolineato di essere soddisfatto del lavoro fatto e di non essere più sicuro di volere vestire i panni del medico legale Claudio Conforti. Per lui è arrivato il momento di voltare pagina, vestire i panni del commissario Luigi Alfredo Ricciardi e occuparsi dei nuovi progetti televisivi.

L'Allieva 4 senza Lino Guanciale

Intervistato dal settimanale Tv Sorrisi e Canzoni, Lino Guanciale ha cercato di placare la curiosità riguardante la possibilità di vederlo di nuovo nei panni del medico legale Claudio Conforti, accanto ad Alessandra Mastronardi, interprete della protagonista Alice Allevi. Con grande dispiacere dei fan, l'attore abruzzese ha confermato per l'ennesima volta che non sarà presente nelle riprese della quarta stagione de L'Allieva. Il 41enne si è detto felice di aver girato anche la terza stagione e del percorso del suo personaggio Claudio Conforti, ma per lui è arrivato il momento di dirgli addio, di chiudere la storia proprio nel momento di massimo splendore, in modo da tenere alto l'interesse dei fan.

Questa rivelazione porta a pensare che la nuova stagione della fiction L'Allieva potrebbe avere come protagonista un'altra coppia, cosa che non accade nei romanzi della scrittrice Alessia Gazzola.

Il Commissario Ricciardi, Lino Guanciale: 'Ha un potere che vi lascerà col fiato sospeso'

Il prossimo 25 gennaio arriva su Rai 1 una nuova fiction con protagonista Lino Guanciale, intitolata Il Commissario Ricciardi.

La suddetta serie televisiva è tratta dai romanzi dello scrittore napoletano Maurizio De Giovanni ed è ambientata in una Napoli noir degli anni Trenta. Parlando del commissario Ricciardi, Lino Guanciale ha rivelato che il suo personaggio ha un potere speciale che terrà i telespettatori con il fiato sospeso. "Di lui mi piace il fatto che sia una figura piena di chiaroscuri - ha dichiarato il 41enne abruzzese – Più scuri che chiari".

Ha raccontato che il commissario Ricciardi ha un dono ereditato dalla madre di raccogliere gli ultimi pensieri delle vittime di un crimine. Ha aggiunto che questo dono ha un lato positivo e uno negativo: è molto utile nelle indagini, ma lo tormenta come uomo.

Altre curiosità sul commissario Ricciardi: 'È un uomo solitario con un ciuffo ribelle'

In una recente intervista, Lino Guanciale ha raccontato che a causa del suo potere speciale, Luigi Alfredo Ricciardi si nasconde dietro una maschera di difesa e, per non rivelare a nessuno il suo potere speciale, preferisce chiudersi a riccio. 'Ma molto in fondo, è una persona empatica, dotata di una sensibilità fuori dal comune – ha spiegato l'attore abruzzese – e che puntata dopo puntata inizia ad aprirsi al mondo, soprattutto all'amore'.

Parlando del ricciolo sulla fronte, il signor Guanciale ha dichiarato che il ciuffo è l'unica cosa ribelle del commissario Ricciardi e che lo ha fatto dannare da una ripresa all'altra.

Infine, ha dichiarato che il suo nuovo personaggio televisivo non sorride mai, anzi regala un sorriso solo alle persone che ci tengono molto a lui. "Ho goduto della tenebrosità di Ricciardi – ha confessato Lino Guanciale - perché in quei momenti privatissimi regala un calore più unico che raro".

I nuovi progetti dell'attore abruzzese: da La Porta Rossa a Sopravvissuti

In questo periodo, Lino Guanciale sta girando la serie Sopravvissuti che lo terrà impegnato tra Roma e Genova fino alla primavera. È una fiction di genere thriller, diretto da Carmine Elia, che narra la storia di un naufragio e dei dispersi creduti morti per un anno.

"Quando i dispersi tornano a casa avranno molte cose da nascondere - ha rivelato l'attore italiano – e avranno difficoltà a ricucire i rapporti con i propri cari". A proposito di Carmine Elia, il 41enne abruzzese ha rivelato che la terza stagione de La Porta Rossa partirà non appena troveranno la collocazione giusta.

Parlando di sogni, il signor Guanciale ha confessato che gli piacerebbe interpretare il Principe di Homburg e che lo vorrebbe interpretare prima di passare l'età giusta 'Se aspettiamo troppo rischio di perdere credibilità'. Un altro personaggio che sogna di interpretare è Cattivik "In quel caso non serve l’età giusta - ha sottolineato l'attore - perché basta mettere una maschera da punto d'inchiostro".

Segui la pagina Serie TV
Segui
Segui la pagina Anticipazioni Tv
Segui
Segui la pagina Gossip
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!