L'attrice Claudia Gerini ha voluto rendere nota la propria posizione riguardo alla possibilità di vaccinarsi contro il Coronavirus. In particolare Gerini fa sapere di non essersi vaccinata contro il Covid-19, perché quando, alcuni anni fa, era incinta ebbe delle trombosi.

Motivi della decisione

Claudia Gerini è stata ospite dell’ultima giornata del Filming Italy Sardegna Festival che si è concluso domenica 25 luglio al Forte Village di Santa Margherita di Pula e - come riporta Adnkronos - nell'occasione ha parlato anche della campagna vaccinale contro il Covid-19.

A tal proposito ha detto: "No, non sono vaccinata. Non è che io sia contraria, ma sono molto timorosa. È un vaccino d’emergenza, e siccome anche in gravidanza ho avuto dei problemi per quanto riguarda le trombosi, devo stare molto attenta".

I timori della Gerini e il suo rapporto con il greenpass

L’attrice ha spiegato che la spaventa il fatto delle trombosi, per una sua predisposizione a questa patologia che anche durante la gravidanza l'ha costretta a fare particolare attenzione.

Per quanto riguarda la misura del Greenpass obbligatorio, varata dal governo, l'attrice ha dichiarato "Non sono sicura che il Green pass sarà per sempre, ho dei dubbi. Ma in ogni caso adesso, se ho dei problemi, non entrerò nei teatri o nei posti al chiuso, che altro devo fare"

In particolare Claudia Gerini ha detto di preferire il metodo diagnostico con tamponi antigenici o molecolari al vaccino anti-covid, ma questa è una sua scelta personale e come sottolinea: "Non voglio influenzare nessuno".

Claudia Gerini: 'Mia figlia più grande si è vaccinata'

Nel rilasciare queste dichiarazioni, l'attrice romana ha anche tenuto a precisare che la sua prima figlia diciassettenne ha già ricevuto il vaccino, quindi ha ribadito ancora una volta di non essere contraria al trattamento sanitario, ma soltanto di avere delle perplessità.

L’attrice si è detta anche fiduciosa nei confronti della scienza e della ricerca medica, sperando che si scoprano delle cure efficaci.