La settimana che è appena iniziata nel nostro Paese sarà caratterizzata da una serie di mobilitazioni generali che porteranno gran parte dei cittadini italiani a scendere in piazza per dar vita a diversi scioperi che interesseranno gran parte dei lavoratori di tutti il Paese.

La settimana dall'11 al 15 novembre, quindi, può essere tranquillamente definitiva: la settimana dello sciopero generale.

La protesta interesserà in particolar modo il settore dei trasporti: molti i disagi che saranno causati in tutta Italia per i lavoratori che sono soliti spostarsi con bus, treno e tram. Tuttavia i servizi pubblici essenziali saranno garantiti, così come prevede la legge.

In generale la fasce garantite saranno quelle del primo mattino e quella del tardo pomeriggio. In ogni caso il consiglio prima di intraprendere un viaggio in treno o pullman, è quello di consultare i sito ufficiale di Trenitalia o comunque delle diverse compagnie di trasporti.

Ecco nel dettaglio il programma della settimana:

Lunedì 11 novembre 2013, la protesta prenderà il via in Calabria, con uno sciopero generale di 6 ore che si concluderà con un corteo a Cosenza.

Martedì 12 novembre, invece, scenderanno in piazza i lavoratori della Basilicata. Anche in questo caso sono previsti dei cortei a Potenza a Matera.

Mercoledì 13 novembre, lo sciopero interesserà la Capitale per diverse ore: i lavoratori sfileranno in un corteo che partirà da Piazza Esquilino e arriverà a Piazza SS Apostoli.

I migliori video del giorno

Nella giornata di mercoledì 13 novembre si fermeranno anche i lavoratori della Toscana.

Giovedì 14 novembre, scenderanno in piazza i lavoratori della Liguria, e poi venerdì 15 novembre si può dire che sarà una vera e propria giornata nera per i trasporti i servizi in generale.

Lo sciopero di venerdì 15 novembre 2013, interesserà tutta Italia e riguarderà un bel po' di settori: trasporti, scuola, ospedali.

Lo scopo di questa settimana di sciopero in detta da Cgil, Cisl e Uil è quello di mirare a colpire sprechi e rendite per dare più risorse ai lavoratori e ai pensionati.