Vogliamo partire per le vacanze in compagnia del nostro cane o del nostro gatto? Il Ministero della Salute ci fornisce delle utili indicazioni per farlo in maniera corretta senza incorrere nelle sanzioni previste dalla legge. Purtroppo l'odioso fenomeno dell'abbandono degli #Animali domestici si ripresenta puntualmente in occorrenza delle vacanze, quelle estive principalmente e a tale proposito, oltre a rimarcare l'assoluta mancanza di civiltà di chi lascia legato il proprio cane a un guard rail dell'autostrada o di chi si disfa del gatto abbandonandolo in aperta campagna, è opportuno ricordare che tale fatto comporta un reato punibile per legge secondo l'articolo 727 del codice penale con pene che possono inasprirsi nel caso l'animale causi danni a persone o cose (leggi incidenti stradali).

Vediamo allora come organizzarci e quali suggerimenti ci fornisce il Ministero della Salute. Innanzitutto, soprattutto se si ha intenzione di recarsi all'estero, è bene muoversi almeno 2 mesi prima della partenza per poter adempiere agli obblighi sanitari richiesti dallo Stato che si intende visitare. Infatti le vaccinazioni obbligatorie variano da nazione a nazione, inoltre bisogna informarsi se non sono previsti periodi di quarantena che alle volte possono durare anche settimane. Sarebbe crudele portare con noi il nostro cane in un luogo dove finisse rinchiuso in un canile, meglio allora rivolgersi a qualche amico o conoscente o a una struttura italiana che abbia buone referenze e che abbiamo visitato in precedenza. È anche opportuno informarsi se nel luogo della nostra destinazione sono presenti alberghi, campeggi e luoghi di ritrovo dove possiamo essere accompagnati dai nostri fedeli amici.

I migliori video del giorno

Quindi riassumendo possiamo dire che le cose da fare sono:

  • Informarsi sui regolamenti applicati dalle varie compagnie aeree, marittime e ferroviarie riguardanti il trasporto animale, come cani e gatti verranno sistemati durante il viaggio e, a seconda della durata dello stesso, sapere come verranno assistiti per i pasti

  • Per quanto riguarda gli obblighi sanitari contattare i Consolati (per i viaggi all'estero) o le Regioni qualora non volessimo uscire dai confini nazionali infatti esistono normative, o alle volte semplici misure di profilassi che possono variare da Regione a Regione e comunque dare un'occhiata sul sito del Ministero della Salute

  • Se invece pensiamo di circolare solo in ambito europeo informarsi su quali sono le disposizioni stabilite dalla UE con la legge del 1 ottobre 2004

Il buon senso e l'educazione poi faranno in modo che trascorrere una vacanza con il nostro cane o il nostro affezionatissimo gatto sia una cosa gratificante per entrambi rispettando le persone che ci stanno accanto. Per avere maggiori dettagli ci si può rivolgere ai veterinari, alle ASL e, naturalmente, al sito del Ministero della Salute www.salute.gov.it.