Alexa
Un operatore impegnato nel corso di un'intercettazione
Andrea Orlando, ministro della Giustizia
Il grafico di una registrazione audio
1 di 3

Photogallery - Intercettazioni, sì del Cdm alla riforma

Il Cdm ha dato il via libera definitivo alla riforma delle intercettazioni, che entrerà in vigore dopo sei mesi dalla sua pubblicazione. Solo una norma, relativa al diritto dei giornalisti ad avere copia dell'ordinanza di custodia cautelare, sarà invece efficace tra un anno. Nell'attuazione di una sostanziale revisione della disciplina delle intercettazioni, il principale obiettivo è quello di escludere ogni riferimento a persone coinvolte solo in maniera occasionale "dall'attività di ascolto", nella chiara prospettiva di evitare la cosiddetta "indebita divulgazione" di riferimenti e fatti a persone che sono estranee. Punito con il carcere fino a 4 anni chiunque "diffonde con qualsiasi mezzo" riprese video o audio, effettuate in maniera fraudolenta, per danneggiare la reputazione e l'immagine di una o più persone. Capitolo "Trojan horse". Tali dispositivi non vanno lasciati attivi senza limiti di tempo e vanno disattivati se l'intercettazione riguarda l'ambiente domiciliare, a meno che non ci sia una prova che nell'ambito considerato si stia verificando "l'attività criminosa" relativa all'indagine e che la stessa non riguardi mafia e terrorismo.

Torna all'articolo: Intercettazioni, sì del Cdm alla riforma

Cosa ne pensi? Commenta.