Annuncio
Annuncio

Nonostante la showgirl Sara Tommasi cerchi disperatamente di migliorare la sua immagine pubblica, abbastanza compromessa dalle sue gesta passate, il suo nome è spesso accompagnato a situazioni abbastanza folli.

È il caso avvenuto in una scuola elementare paritaria Farina di Vicenza, dove il classico e rigoroso insegnamento delle suore viene interrotto, da alcuni "strani suoni" tutt'altro che celestiali, provenienti da una classe adiacente.

In questa classe "particolare", un insegnante un po' "sbadata", a posto di far sentire ai suoi allievi delle musiche paradisiache e tradizionali, fa sì che i bambini si ritrovino a guardare dei filmati a luci rosse della showgirl Sara Tommasi.

Annuncio

La buffa e delicata vicenda, è accaduta perché l'insegnate, ignara del contenuto della chiavetta Usb, precedentemente consegnatale da un genitore dei suoi allievi, voleva creare un discorso educativo all'insegna del canto e dell'interattività disciplinare, ma naturalmente si è ritrovata a guardare tutt'altro: delle scene porno della showgirl.

Di tutta risposta, naturalmente i bambini non hanno reagito bene ai palcoscenici proiettati, inadatti del tutto alla loro tenera età, tanto che, alcune bambine talmente scioccate, dalle poco nobili gesta della Tommasi ritratte nel video, non riescono ancora a raccontare assolutamente ai loro genitori il fatto accaduto lo scorso 30 gennaio, in classe.

L'istituto, vedendo il chiaro problema e il disagio psicologico apportato ai giovanissimi studenti, ha prontamente chiamato una valida psicologa, affinché possa far superare al più presto lo shock, arrecato ai bambini della scuola elementare.

La situazione, è terminata con un "lieto" fine, poiché il dirigente della scuola elementare Farina di Vicenza, ha discolpato del tutto, l'insegnante, non avendo alcuna colpa dato il fatto che la chiavetta usb, autrice del misfatto, era stata data all'insegnante, da un genitore di un'altra classe, in precedenza.

Annuncio
I migliori video del giorno

Per altre notizie su Sara Tommasi, clicca qui.