Annuncio
Annuncio

È accaduto a Reggio Emilia, dove un uomo insieme alla moglie ed al figlio stava passeggiando tranquillamente nei pressi della stazione, consapevole di avere con sé 400 grammi di cocaina. È stato fermato dai carabinieri, che proprio vicino alle feste natalizie hanno incrementato i controlli in un quartiere, il Marconi, in cui il problema delinquenza è fortemente sentito.

Quando i carabinieri lo hanno fermato, l'uomo è apparso subito innervosito e con un atteggiamento che mostrava essere sospetto per la sua reticenza.

Con sé aveva la tessera sanitaria del piccolo e delle foto che ritraevano la donna con cui era insieme in quel momento. Questo anche se il 36enne sembrava non conoscesse chi stava con lui.

Advertisement

I carabinieri della Compagnia di Reggio Emilia hanno quindi cercato di approfondire il controllo e sono venuti al motivo della reticenza dell'uomo: in tasca aveva 400 grammi di cocaina. Si tratta di un 36enne, che proviene dalla Tunisia, ora in arresto con l'accusa di detenzione di droga. La moglie non è coinvolta nel narco traffico.

L'uomo che ha la residenza a Reggio Emilia, probabilmente tentava di spacciare la droga proprio nel reggiano durante queste festività. Ora dovrà rimanere a disposizione della Questura competente per territorio. La zona attigua alla stazione della città emiliana è tenuta costantemente sotto osservazione dale forze dell'ordine per prostituzione, oltre che per la presenza di ladri ed ubriachi.

Controlli da parte delle forze dell'ordine

La zona è costantemente controllata dalle forze dell'ordine per quanto riguarda le strade, vari sono stati gli extra comunitari rimpatriati perché non avevano il permesso di soggiorno.

Advertisement
I migliori video del giorno

Inoltre sono state perquisite numerose case, dove erano state segnalate presenze sospette. Tutto questo durante tutto l'anno, ma i controlli sono stati aumentati durante queste festività, per le continue segnalazioni degli abitanti del quartiere, preoccupati per le loro famiglie e soprattutto per i bambini che non potevano uscire di casa o trovarsi con gli amici per giocare.