Tunisia, questa settimana, Ennahda, il partito islamista che ha vinto tre anni fa, con grazia ha riconosciuto la sconfitta [VIDEO] e ha passato il potere ai suoi oppositori di Nidaa Tounes: "Abbiamo accettato questo risultato, e mi congratulo con il vincitore, Nidaa Tounes," l'alto funzionario Ennahda Lotfi Zitoun ha detto a Reuters. Tuttavia, ha ripetuto l'invito del partito per una nuova coalizione che comprenda Ennahda. "Chiediamo ancora una volta la formazione di un governo di unità nell'interesse del Paese."

In una regione in cui gli standard di governo vanno da anarchia (Libia) alla dittatura (Algeria ed Egitto), la democrazia della Tunisia è un risultato impressionante.

Eppure, il successo politico del Paese è a dir poco fragile, il Paese ha bisogno di un'urgente riforma economica. L'economia tunisina è cambiata dai tempi del presidente Zine El Abidine Ben Ali, secondo un recente rapporto della Banca Mondiale. Ben Ali è stato estromesso nel 2011, dopo che un fruttivendolo provinciale si è dato fuoco davanti al municipio di Sidi Bouzid, per protestare contro il governo per via dei soprusi subiti dalle forze di polizia. La rivolta che ne è seguita ha cause complesse, ma in cima alla lista sono stati l'economia, la corruzione e la mancanza di posti di lavoro per il crescente numero di giovani tunisini.

Quindi è allarmante che la disoccupazione supera ancora il 30 per cento in alcune regioni trascurate.

E non è un caso che un circa 3000 tunisini sono andati a combattere in Siria, più che da qualsiasi altro Paese. Le leggi fallimentari e supporti agricoli sbagliati costano alla Tunisia il 13 per cento del prodotto interno lordo. L'anno scorso, sovvenzioni per l'energia e gli altri trasferimenti sono costati un altro 7,3 per cento.

Eppure, se la Tunisia dovesse rompere queste catene, avrebbe un maggiore potenziale di un qualsiasi altro Paese del Nord Africa. I forti sindacati sono la prova che la Tunisia è una società civile forte abbastanza per sostenere la crescita economica. Il governo della Tunisia ha avuto un inizio, riducendo le sovvenzioni energetiche, qualcosa che il Fondo Monetario Internazionale ha chiesto prima di estendere un prestito di 1,75 miliardi dollari.

Ma questo non è niente di ciò che è necessario per costruire un'economia per creare posti di lavoro. Europa e Stati Uniti potrebbero aiutare ad ammorbidire il colpo di maggiori riforme, offrendo una parte degli aiuti promessi durante la primavera araba.

La regione ha intrapreso un diverso tipo di transizione, di esito incerto, che può durare per generazioni. Ma questo non fa che accrescere l'importanza dello sforzo di un piccolo Paese di produrre una democrazia stabile e prospera. Si può avere successo solo se il nuovo governo porta il cambiamento per l'economia.

Segui la pagina Elezioni Politiche
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!