Australia. Il quotidiano locale Courier Mail riferisce una notizia sconvolgente ed alquanto agghiacciante. Un giovane cuoco australiano, Marcus Peter Volke, dell'età di 28 anni, avrebbe prima ucciso la sua fidanzata, Mayang Prasetyo, per poi fare il suo corpo a pezzi con il macabro obiettivo di cucinarlo. Dopo aver compiuto questo atto atroce si sarebbe suicidato. Le forze dell'ordine locali non hanno confermato la notizia ma hanno dichiarato di aver aperto un'inchiesta per omicidio-suicidio e per il ritrovamento di alcuni resti umani in un appartamento.

Il Courier Mail ha affermato che il giovane era un cuoco su navi da crociera e che avrebbe preso in affitto un appartamento con la sua fidanzata indonesiana in un quartiere lussuoso di Brisbane. I due ragazzi si erano conosciuti sul luogo di lavoro e da lì avrebbero intrapreso una storia d'amore. Già La settimana scorsa i vicini avevano iniziato a sospettare qualcosa, in quanto i due erano soliti litigare spesso e si udivano frequenti urla. Sabato i vicini di casa hanno iniziato ad avvertire un odore terrificante e nauseante che proveniva dall'appartamento del ragazzo.

Preoccupati da quell'odore hanno immediatamente avvertito la polizia. Una volta giunta sul luogo del delitto, la polizia si è ritrovata davanti ad una scena terrificante in quanto gli agenti avrebbero ritrovato i pezzi del corpo della ragazza che cuocevano ancora in una pentola. Ritrovarono anche il cuoco, che era per terra, morto dopo un probabile suicidio tagliandosi la gola con un coltello. Ancora non si conoscono le cause che hanno spinto Marcus Peter Volke a compiere questo gesto atroce e raccapricciante che gli ha fatto scattare un qualcosa che lo ha spinto a fare a pezzettini la povera ragazza ed a cucinarne persino i resti.

Le forze dell'ordine continuano a non dire niente a riguardo sulla tragica vicenda, ed affermano soltanto di aver trovato un cadavere di un uomo in una via vicina, senza accennare minimamente ai risvolti drammatici della vicenda.

Segui la nostra pagina Facebook!