Annuncio
Annuncio

I casi di assassinio di Gloria Rosboch e Isabella Noventa si arricchiscono, giorno dopo giorno, di elementi particolarmente inquietanti: per quanto riguarda l'omicidio della professoressa, dalle ultime notizie si apprende che gli inquirenti hanno acquisito nuove informazioni intorno a Gabriele Defilippi, indagato insieme a Roberto Obert e alla madre del giovane per l'omicidio della donna. Tutto è scaturito dall'interrogatorio del fratello di 13 anni: a quanto pare, il ragazzino avrebbe dichiarato che il piano sarebbe partito proprio da Gabriele.

Invece, per quanto riguarda Isabella Noventa, nel corso delle indagini è emerso che, a casa del compagno di Debora Sorgato, indagata insieme al fratello Freddy e alla tabaccaia Manuela Cacco per l'uccisione della donna, sarebbero stati ritrovati 124mila euro e due pistole non regolarmente dichiarate.

Advertisement

Difficile dire se si tratti per entrambi i casi della svolta decisiva, ma è chiaro che le indagini si presentano come particolarmente complesse: gli omicidi di entrambe le donne non sarebbero stati commessi da un singolo, ma deriverebbero dalla compartecipazione e complicità di più persone.

Omicidio Gloria Rosboch: interrogato fratello di Gabriele

Dall'interrogatorio al fratello di Gabriele Defilippi, è venuta fuori una descrizione dell'indagato molto precisa, che aiuta a delinearne la complessa personalità. Il ragazzino ha raccontato del clima di aggressività che regnava in casa: spesso Gabriele picchiava la madre perché imbottito di cocaina, e in un'occasione avrebbe minacciato proprio il fratello, puntandogli una pistola alla tempia, dopo che questi aveva scoperto che stava bruciando delle banconote false.

Advertisement
I migliori video del giorno

Il fratellino ha aggiunto anche altri particolari: a partire da gennaio, Gabriele era diventato un "mostro", parlava spesso al telefono con "mafiosi" e in casa circolavano diverse armi, sicuramente due pistole e un altro "attrezzo" che il 13enne non ha saputo descrivere.

Gli inquirenti stanno iniziando a sospettare che Gabriele Defilippi possa essere coinvolto anche nella piccola e media criminalità della zona di Ivrea. La dichiarazione più importante del ragazzino riguarda però proprio l'omicidio di Gloria Rosboch: Gabriele gli avrebbe detto non solo che era stato lui con la complicità di Roberto Obert a far scomparire la donna, ma che il piano per l'omicidio era stato formulato da lui stesso. Insomma, il fratello accusa apertamente Gabriele, e la sua dichiarazione entra in contraddizione con quella della fidanzata Sofia, secondo la quale Defilippi sarebbe stato spinto all'omicidio proprio da Roberto Obert.

Assassinio Isabella Noventa: trovati 124mila euro e 2 pistole

Per quanto riguarda il caso di Isabella Noventa, nelle scorse ore è stata effettuata una perquisizione a casa di un maresciallo dei Carabinieri che si trova ad essere coinvolto indirettamente nelle indagini perché fidanzato con Debora Sorgato, tra gli indagati per l'omicidio della donna.

L'uomo, infatti, ha trovato in casa degli scatoloni contenenti delle prove che potrebbero risultare utili per le indagini: a quanto pare, gli inquirenti hanno trovato due pistole, una Beretta calibro 7.65 con colpo in canna, e un'Astra spagnola con più di 50 proiettili. Inoltre, vi era una somma di 124mila euro, suddivisi in vari mucchietti.

Debora abita sullo stesso pianerottolo del carabiniere e aveva la possibilità di entrare e uscire dalla casa dell'uomo quando voleva: gli inquirenti hanno aperto un nuovo fascicolo e la donna ora risulta indagata anche per riciclaggio di denaro e detenzione illecita di armi da fuoco. Per entrambi i casi, insomma, si profila il movente economico: due donne uccise semplicemente per una questione di denaro e di interessi. Le indagini, comunque, proseguono e si attendono nuovi sviluppi in tempi brevi. Per ricevere le ultime notizie sui casi di Gloria Rosboch e Isabella Noventa, potete cliccare su "Segui" in alto, sopra l'articolo.