Oggi, giovedì 18 luglio, è morto Luciano De Crescenzo, un grandissimo esponente del mondo dello spettacolo, della televisione e della cultura italiana. Dopo aver praticato il lavoro di ingegnere, decise di lasciare tale professione per dedicarsi alla sua più grande passione: la divulgazione e la scrittura.

Proprio per questo motivo, in seguito anche a diverse partecipazioni come ospite al Maurizio Costanzo show decise di dedicarsi completamente al mondo della scrittura e delle regia.

Questo grandissimo artista partenopeo si è spento oggi, a Roma a 91 anni (età che avrebbe compiuto fra un mese esatto).

Insieme a lui, fino all'ultimo respiro, ci sono stati la figlia Paola, il genero, i nipoti e il suo agente storico Enzo D'Elia.

La vita di Luciano De Crescenzo e una tra le sue opere più importanti

In questi giorni il famoso artista Luciano De Crescenzo era stato ricoverato in ospedale a causa di alcuni problemi di salute e, dopo un periodo di cure, è morto all'età di quasi 91 anni. Per raccontare la vita di questo personaggio non basterebbero libri, dal momento che è sempre stato un personaggio altamente poliedrico.

Nato nell'agosto 1928 nella zona di Santa Lucia a Napoli, si trasferì successivamente a Milano, senza mai lasciare che la sua amata città d'origine abbandonasse il suo cuore e la sua anima.

Dopo anni di studi e di svolgimento della professione di ingegnere, De Crescenzo decise di abbandonare tale professione. Da quel momento in poi si affacciò a tutti gli effetti nell'ambito dello spettacolo. Una tra le sue opere di maggiore successo è stato il libro (e l'omonimo film) "Così parlò Bellavista".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Una rappresentazione attenta e fedele degli usi e delle tradizioni napoletane di un tempo, che gli valse il David di Donatello per il miglior regista esordiente, nel 1985.

La carriera di De Crescenzo nel mondo della scrittura e dello spettacolo

Luciano De Crescenzo è stato anche un grande amico di Carlo Pedersoli (in arte Bud Spencer). I suoi libri hanno sempre riscosso un enorme successo, al punto che l'artista decise di dedicarsi appieno al mondo della scrittura. Il suo modo di esternare i concetti, sempre rispettoso e garbato, senza mai uscire dalle righe, è stata una sua enorme peculiarità.

Il pubblico lo amava proprio perché impersonava il tipico uomo d'altri tempi. Una persona garbata, educata e rispettosa che sembra difficile rispecchiare le generazioni odierne.

Il suo successo lo ha portato a vendere nel mondo oltre 20 milioni di copie dei suoi libri. Le sue opere sono state tradotte in 19 lingue e diffuse in 25 paesi. Ben 7 milioni di copie sono state vendute solo nel territorio italiano.

Insomma, se va una vera e propria pietra miliare della cultura.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto