Il detto sarebbe "mal comune mezzo gaudio" ma ultimamente - a quanto pare - nel mondo dello spettacolo non è proprio così: dopo lo scalpore legato alla vicenda di Marco Baldini ora anche Enzo Iacchetti dichiara i suoi problemi economici legati al mondo delle scommesse dicendo alla rivista Stop che ha quasi finito i soldi. 
Tra le righe manda un messaggio anche alla produzione di Striscia la notizia, accusandoli - ma con il sorriso - di chiamarlo sempre meno e per periodi sempre più brevi. "Non vorrei che fra poco mi dicano ciao ciao" dichiara con una certa preoccupazione. 
Enzo Iacchetti, "Enzino" per l'amico e collega Ezio Greggio, avrebbe messo da parte un po' di denaro guadagnato negli anni '90 quando era all'apice del successo. Poi a causa delle tasse a poco a poco il salvadanaio si è svuotato e ora le sue finanze stanno per arrivare a toccare il fondo. Per la verità la colpa lui la dà soprattutto alle scommesse: a quanto pare ogni volta che ce n'era una da fare "lo tiravano sempre in mezzo".

Questa storia ricorda da vicino quello che sta succedendo a Marco Baldini - compare e amico storico di Fiorello da almeno 20 anni - che come sappiamo da qualche giorno ha abbandonato spontaneamente il programma che conduceva su RadioDue insieme al collega perché non era abbastanza sereno per andare avanti nel fare bene il suo lavoro durante la trasmissione radiofonica.

Pubblicità

Baldini e Iacchetti, storia simile ma non uguale: stando alle notizie che trapelano nel web pare infatti che il problema di fondo di Enzo Iacchetti non siano i debiti esorbitanti da saldare a innumerevoli creditori - come succede invece per Baldini - quanto i mancati introiti dell'ultimo periodo che si legano alle somme scialacquate con leggerezza negli anni passati. L'artista ha visto così diminuire drasticamente le sue finanze al punto tale che ora comincia a sorgere una certa preoccupazione.

Anche nel suo caso quindi "outing finanziario": che sia un modo come un altro per cercare di proporsi alle produzioni dei vari programmi televisivi, magari mosse a compassione? Questo ufficialmente non si sa, ma i proverbi non mentono mai: Denaro risparmiato, due volte guadagnato!