2

Il nuovo film scritto e diretto da Damien Chazelle già candidato agli Academy Awards per il miglior film e per la miglior sceneggiatura non originale per "Whiplash" , "La La Land" ieri sera ha fatto incetta di Golden Globe. Infatti su sette nomination ha ricevuto sette premi.

I sette premi ricevuti sono stati per miglior film commedia o musicale, miglior regia, miglior attore a Ryan Gosling, miglior attrice ad Emma Stone, miglior sceneggiatura allo stesso Damien Chazelle, miglior colonna sonora a Justin Hurwitz e miglior canzone originale. Ovviamente La La Land si candida a fare la parte da leone durante la notte degli oscar.

Ovviamente i due motivi extra sono la bravura e la bellezza dei due attori protagonisti: Emma Stone e Ryan Gosling. Ma ora partiamo con i 5 motivi per cui La Land è tanto atteso.

#1 La La Land è una lettera d'amore alla vecchia Hollywood

Il regista e sceneggiatore Damien Chazelle ha scritto e diretto una lettera d'amore alla vecchia Hollywood. Ma lo ha fatto in una maniera che non è puramente nostalgica come poteva essere in "Ave Cesare!" dei fratelli Coen. Lo fa in maniera nuova e giovane ricordando più le opere riuscite di Luhrmann.

#2 La sceneggiatura è piena di colpi di scena ben assestati

I due protagonisti del film Mia e Sebastian dovranno affrontare diversi cambiamenti nel loro rapporto ma l'ottima sceneggiatura di Chazelle riesce a farlo in maniera gentile e ben equilibrata.

#3 Damien Chazelle

Damien Chazelle ha già dimostrato con "Whiplash" di saper maneggiare con cura e dettagli il linguaggio cinematografico e soprattutto a saper far emergere in maniera impressionante le qualità degli attori che ha a disposizione.

I migliori video del giorno

#4 Ryan Gosling e Emma Stone ricordano Al Bano e Romina Power

Non avete letto male Ryan Gosling e Emma Stone ricordano un po' Al Bano e Romina nei loro musicarelli di fine '60 e inizio '70. Solo meglio.

#5 La La Land è un film senza tempo

La La Land può essere definito un film senza tempo. Usa la nostalgia e il romanticismo in un modo che sembra sfiorare sia Shakespeare che Billy Wilder che i vecchi musical hollywoodiani.

"La La Land" uscirà nelle sale italiane e molti critici importanti puntano a far diventare questo film il "New York New York" per millenials.