Sono giorni di campagna elettorale in cui i politici si rincorrono alla ricerca della promessa più altisonante. Ma c'è forse qualcosa che i cittadini chiedono e sarebbe semplice da realizzare: un viaggio nel treno della linea ferroviaria Roma- Civita Castellana- Viterbo, per toccare con mano i disagi di chi ogni giorno deve districarsi tra le mancanze della Ferrovia Roma Nord. Il comitato #pendolari Roma Nord ha cercato di attirare l'attenzione dei candidati lanciando il contest ##SoffriConNoi:

"In vista delle elezioni amministrative del 4 marzo 2018, abbiamo un invito per i candidati che vorranno occuparsi (non solo a parole) della nostra martoriata ferrovia." scrivono sul sito web Pendolari Roma Nord.

Le regole di #SoffriConNoi

I candidati dovranno prendere il treno (nelle ore di punta, dalle 7-9 e 17-19), per almeno 3 giorni alla settimana. Per dimostrare la loro maratona in treno dovranno scattare un selfie con ben visibili il treno e la stazione e pubblicarlo con l'hashtag #SoffriConNoi. "Solo così si comprende quanto sia difficile «sopravvivere» sulla #RomaNord." affermano i promotori. Le foto pubblicate e contrassegnate da #SoffriConNoi saranno selezionate dal comitato e pubblicate sulla pagina Facebook stilando la classifica dei candidati più attenti. Sono previsti dei bonus per chi comprende nel percorso autobus o viaggia durante scioperi [VIDEO]. Ma per il punteggio non saranno valide le tratte comode o troppo brevi.

Ancora nessuna risposta

Finora però nessuna foto di possibili candidati campeggia sulla pagina Facebook del gruppo.

Forse a soffrire sono ancora solo i pendolari.

Su Twitter appare solitario il tweet di Francesco Rossetti, candidato con Casa Pound che scrive: " Sono Candidato al Consiglio Regionale del Lazio con #CasaPound e prima ancora sono pendolare, tutti i giorni da Ladispoli Già soffro con voi da tanti anni!" Posta una foto del suo programma ma ancora nessuna che ne verifichi il percorso di comune sofferenza.

Solo la prima fase

Questa è solo la prima fase che si concluderà il 4 marzo, per poi riprendere subito dopo le elezioni, forse con un altro ashtag, ma lo stesso intento: risolvere i disservizi di una linea ferroviaria fondamentale, utilizzata ogni giorno da migliaia di pendolari e incrementarla. Per controllare che le promesse non restino solo parole.

Le foto dei pendolari

Su Twitter le foto dei pendolari [VIDEO] sono impietose e testimoniano i disservizi della tratta.

Solo oggi, un ritardo di 8 minuti ha fatto saltare una corsa e riempito i vagoni.