Sono stati cancellati 60 giochi da Google sul suo cliccatissimo Play Store in seguito a segnalazioni che il Check Point ha individuato e che contenevano pericolosi malware. Questi software ‘malintenzionati’, erano in grado di far visualizzare, anche ad un pubblico minorenne, contenuti a sfondo hard abbinati ad inviti volti all’ installazione di applicazioni di sicurezza (ovviamente false) per accedere a vari servizi di registrazione premium.

Google: malware sulle app di Play Store

Il recente e fastidioso malware scoperto dal Check Point di Google è stato chiamato ‘AdultSwine’ in seguito ai suoi contenuti poco raccomandabili di pubblicità hard. Le applicazioni coinvolte al ritiro di Google, si presentano apparentemente innocue, ma celano invece, annunci pieni di chiari riferimenti a siti 'poco raccomandabili' ad un pubblico minorenne e gestiti da pericolosi malware allo scopo di rubare dati sensibili ai malcapitati e farli finire nelle mani degli hacker sempre pronti a captare password per rubare agli utenti in rete il più possibile.

È importante per gli utenti conoscere la lista delle app e dei giochi interessati al problema e cancellarle il prima possibile, evitando così di poter incorrere in pericoli personali di vario genere. Molte app cancellate dal sistema, secondo i dati pubblicati da Google Play, erano destinate a giochi utilizzati, in particolar modo, da bambini e scaricate in tutto il mondo milioni di volte. Alcuni dei titoli interessati alla cancellazione sono molto conosciuti, in particolar modo, dal pubblico dei ragazzi come i ‘Temple Crash Jungle Bandicoot’, ‘Five Nights Survival Craft’, Spinner Fidget Toy’, Drawing Lessons Angry Birds’ e tante altre eventualmente da controllare in rete su siti preposti al controllo più accurato.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Smartphone

'AdultSwine': ecco come si presenta la minaccia nelle app

L’utente alle prese con i giochi e le app di Google Play coinvolte al problema dei pericolosi malware, una volta aperta l’applicazione, viene invitato a scaricare un particolare software, apparentemente di sicurezza, che invece al contrario non è altro che un malware che si muove con l’intenzione subdola di rubare i suoi dati personali, le sue credenziali e le eventuali password segrete.

Le modalità non sarebbero sempre le stesse, infatti, in altri casi, comparirebbero sullo schermo del cellulare finti annunci per fantomatiche iscrizione a servizi Premium e finti concorsi allo scopo di carpire il numero di telefono dell’utente che se inserito lo farebbe imbattere in un iter a pagamento dal quale difficilmente ne uscirà indenne. Il consiglio degli esperti informatici è quello, in generale, di diffidare da questo tipo di false pubblicità e fare molta attenzione a tutte quelle situazioni in rete che invitano l’utente a comunicare facilmente il proprio numero di telefono e di controllare il più possibile gli accessi e le navigazioni dei propri bambini quando sono al computer e al cellulare.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto