2

Finisce un incubo per il cantante Massimo Di Cataldo che solo 6 mesi fa era stato accusato dalla sua ex compagna Anna Laura Millacci di violenze e percosse e di averle procurato l'aborto. Ma ora, la Procura della Repubblica, ha dichiarato innocente il cantante romano, dimostrando in seguito ad una perizia effettuata, che non solo in cantante non ha mai usato alcuna violenza alla donna, ma che non è nemmeno responsabile dell'aborto, il quale è avvenuto spontaneamente. Ma vediamo, per ordine cosa è accaduto, in passato.

Massimo Di Cataldo: accusato dalla ex compagna

Massimo Di Cataldo la scorsa estate si è ritrovato ad essere l'involontario protagonista di una triste vicenda che vedeva coinvolta la sua ex compagna Anna Laura Millacci, la quale aveva pubblicato delle foto con il volto piuttosto tumefatto, dichiarando che tali lesioni le erano state inflitte dal suo compagno Massimo Di Cataldo. A seguito di ciò, la donna che all'epoca era incinta, aveva poi fatto sapere di aver perso il bambino, come diretta conseguenza delle lesioni subite dallo stesso. La notizia aveva sconvolto i fan del cantante romano, dividendo in due l'opinione pubblica, fra chi accusava Di Cataldo e chi invece continuava a proclamarlo innocente.

Massimo Di Cataldo: sono in buona fede ed innocente

Massimo di Cataldo, che non ha mai spesso di affermare la sua completa buona fede si è affidato alla macchina della giustizia italiana. Subito si erano attivati gli accertamenti tecnici e le verifiche sul materiale presente sul social, nonché perizie ed esami medici e legali per far emergere la verità sul caso. Dopo quasi 6 mesi di silenzi e di attesa, finalmente ieri 13 gennaio 2014, i consulenti tecnici del PM hanno smentito le accuse infamanti della ex compagna Anna Laura Millacci, ridando lustro al cantante romano, che finalmente può rasserenarsi e mettere fine a questa triste vicenda che lo ha colpito.

Archiviazione del caso per Massimo Di Cataldo

Lo stesso avvocato difensore di Massimo di Cataldo, il dottor Daniele Bocciolini, fa sapere che già nella data di oggi, martedì 14 gennaio 2014, chiederà l'archiviazione del caso e di un incubo che ha visto il protagonista di tante canzoni d'amore, essere etichettato come un mostro. Ma per fortuna, tutto è finito bene!