La macchina organizzativa del Festival di Sanremo 2015 si metterà al lavoro già nelle prossime settimane. A confermalo è stato il timoniere della prossima edizione del Festival di Sanremo, Carlo Conti che durante la conferenza stampa di presentazione dei Music Awards 2014, ha anticipato le prime novità della prossima edizione della kermesse musicale.

Sanremo 2015 anticipazioni: stop al doppio brano

Le prime anticipazioni riguardo il Festival di Sanremo 2015 sono state svelate da Carlo Conti stesso, il quale ha dichiarato che per prima cosa ci sarà una modifica al regolamento del Festival: ogni Big in gara, infatti, tornerà ad esibirsi con un solo brano e a quanto pare potrebbero tornare le eliminazioni nel corso delle cinque serate, in modo tale da rendere la gara più "appetitosa" per il pubblico da casa.

Nel corso della conferenza stampa, Carlo Conti ha dichiarato che gli farebbe molto piacere poter avere sul palco del Festival di Sanremo 2015, Laura Pausini che la scorsa settimana ha registrato un vero e proprio boom di ascolti con il suo show evento trasmesso in prima serata su Raiuno.

Sanremo 2015 anticipazioni: i possibili Big in gara

Per quanto riguarda i nomi dei Big che prenderanno parte al Festival di Sanremo 2015, Carlo Conti ha annunciato che a differenza degli altri anni non ci sarà nessuna preclusione verso gli artisti che sono emersi dai talent show Rai, Mediaset e Sky.

A proposito di questa cosa Conti ha dichiarato: "Artisti come Alessandra Amoroso, Marco Mengoni o Moreno Donadoni, sono una straordinaria realtà della musica italiana, sarebbe assurdo non prenderli in considerazione".

I migliori video del giorno

Queste dichiarazioni di Carlo Conti quindi fanno ben sperare per il possibile approdo a Sanremo 2015 di Alessandra Amoroso che fino a questo momento ha preso parte al Festival solo come ospite durante le serate dei duetti. Grandi possibilità in vista anche per Moreno: già lo scorso anno il suo nome era in pole position per la kermesse musicale, poi, però, alla fine la sua partecipazione è sfumata. Che il 2015 sia l'anno decisivo per gli "amici di Maria"?