Ecco tutte le ultime news e gli aggiornamenti di oggiriguardo il delitto della giovane Yara Gambirasio, trovata morta nel novembre2010. Le ultime novità sul caso della ginnasta di Brembate riguardano la smentita fatta in queste ore dalla mamma dellaragazzina di soli 13 anni, trovata morta nel novembre del 2010 a pochi metri didistanza dalla palestra dove si allenava quotidianamente. Nei giorni scorsi siera parlato di una lettera che la mamma di Yara aveva indirizzato a PapaFrancesco, il quale, profondamente commosso dalle parole della donna, avrebbechiamato la signora Maura Gambirasio per esprimerle tutto il suo affetto.

In queste ore, però, la mamma di Yara ha smentitola notizia, affermando che fino a questo momento non ha ricevuto nessunatelefonata privata da Papa Francesco.

Yara Gambirasio news oggi: Bossetti resta in carcere

Le ultime novità di oggi sul delitto della giovane YaraGambirasio rivelano che Massimo Bossetti, il muratore 44enne che si trova incarcere da oltre un mese, continua ad essere l’indiziato numero uno per lamorte della ragazzina. In queste settimane Bossetti si è sempre proclamatoinnocente e ha giustificato la presenza del suo Dna sugli indumenti di YaraGambirasio affermando che perde sangue dal naso e che i suoi attrezzi pochigiorni prima della scomparsa della ragazza erano stati rubati. I suoi colleghi,però, non ricordano questo particolare.

Bossetti ha raccontato al pm di non essere stato molte voltea Brembate, tuttavia alcuni testimoni hanno raccontato di averlo vistoabbastanza spesso nel corso degli ultimi tempi e, come se non bastasse, Bossettiha raggiunto il famoso campo di Chignolo d’Isola con sua moglie, pochi giornidopo il ritrovamento del corpo di Yara: perché il muratore e la moglie si sonorecati su quel campo?

Lui ha risposto che si trattava di “semplice curiosità”.Insomma i dubbi e i misteri riguardo la morte di Yara sono ancora tanti e igenitori della ragazzina sono ancora in attesa della verità, a quattro anni dalla sua morte e nonostante l'arresto clamoroso di Bossetti non si è ancora scritta la parola fine su questa triste vicenda.

Segui la nostra pagina Facebook!