Il pubblico del game show di Canale 5, Avanti un altro, da qualche giorno ha dovuto fare i conti con il cambio di conduzione del fortunato game show del preserale, che dai primi di gennaio 2015 ha "perso" la conduzione di Paolo Bonolis, per lasciare spazio a quella di Gerry Scotti. Dopo pochissime puntate ad Avanti un altro 2015, è già arrivata la reazione degli spettatori di fronte alla conduzione di Scotti, che è stato letteralmente bocciato dai fans, i quali preferiscono senz'ombra di dubbio Paolo Bonolis, vero e proprio mattatore di questo game show, costruito ad hoc per lui e per il suo modo di fare Televisione.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Serie TV

Inutile dire che anche gli ascolti di queste prime puntate di Avanti un altro 2015 non sono affatto positivi: la puntata di ieri 5 gennaio, per esempio, è stata seguita da soli 3.6 milioni di spettatori pari al 17.5% di share, battuta nettamente dalla puntata de L'Eredità in onda su Rai1 con Fabrizio Frizzi, che ha registrato l'ascolto a dir poco record di 5.6 milioni pari al 26% di share. 

Avanti un altro 2015: presto il ritorno di Paolo Bonolis?

Le anticipazioni riguardanti le puntate di Avanti un altro del 2015 rivelano che la trasmissione dovrebbe proseguire la sua messa in onda fino a metà marzo e al timone ci sarà ancora Gerry Scotti: il ritorno di Paolo Bonolis, infatti, è previsto soltanto a partire da settembre 2015.

Tuttavia, visto il calo di ascolti registrato in questi giorni non si esclude un cambiamento dell'ultimo minuto e c'è chi ipotizza che Bonolis possa tornare alla guida di Avanti un altro già dal prossimo febbraio 2015, in modo tale da "salvare" il programma, prima che possa essere troppo tardi e permettere a Scotti di testare un nuovo game show da proporre su Canale 5 da marzo 2015 in poi. Gli ascolti bassi di Avanti un altro hanno delle conseguenze negative anche sui dati d'ascolto del Tg5 delle 20: ieri sera per esempio il telegiornale della rete ammiraglia Mediaset è stato seguito da soli 4.6 milioni di spettatori contro i quasi 6 milioni del Tg1.