Annuncio
Annuncio

Il programma 'Uomini e donne' negli ultimi tempi ci sta regalando emozioni abbastanza negative. In questi giorni, grazie alle anticipazioni di Uomini e Donne, è arrivata una notizia clamorosa su una possibile rissa tra Tina Cipollari e Rossella Intellicato, mentre nelle ultime ore a infierire sul programma è giunta una sconvolgente notizia: Claudia Montanarini è stata condannata a 3 anni di carcere con rito abbreviato. La bella bionda, infatti, proprio in queste ore ha ricevuto la conferma della sua condanna definitiva. Cosa avrà combinato per finire in carcere? Scopriamolo assieme nel proseguo dell'articolo.

Claudia Montanarini condannata a tre anni di reclusione

Claudia Montanarini, sorella maggiore della bella Giulia Montanarini (entrambe ex troniste di 'Uomini e Donne') è stata condannata  per aver aggredito la nuova fidanzata dell’ex marito.

Annuncio

La bella Claudia si era messa anche a perseguitare la donna. Come mai l'ex tronista ha fatto tutto questo? Stando alle voci apparse nel web, dicono che la Montanarini dava tutta la colpa della fine del suo matrimonio proprio alla nuovo donna dell'ex marito. Naturalmente, questa motivazione non giustifica affatto tale comportamento da parte di Claudia.

Uomini e Donne news: le accuse contro la Montanarini sono davvero gravi

Stando ai verbali della polizia, Claudia Montanarini sarebbe stata condannata a tre anni di reclusione per aggressione e stalking ai danni della nuova ragazza dell'ex marito, ma anche per corruzione. Claudia avrebbe addirittura assunto due poliziotti (pagandoli) per perseguitare la povera donna.

Annuncio
I migliori video del giorno

Sicuramente questa situazione è davvero pesante, infatti proprio la sorella minore Giulia è molto preoccupata per Claudia, ma d'altronde l'ex tronista doveva pensarci prima di agire in quel modo. 

Per concludere, se volete rimanere aggiornati sulle  mie news che parlano delle vicende del programma 'Uomini e Donne' e del tronista Amedeo, vi invito a cliccare il tasto "Segui" in alto, appena sopra il titolo di questo articolo.