"Lampedusa" è un film diviso in due parti di cui il protagonista, Serra, è interpretato da claudio amendola. E' girato prevalentemente sull'isola da cui prende il nome, dove vi è uno dei centri di accoglienza degli immigrati più grandi d'Europa e parla di storia realmente accaduta. Infatti il ruolo di Serra è ispirato ad Achille Selleri, responsabile della capitaneria di porto che nel 2008 ha permesso a più 600 persone di essere salvate dalla morte certa durante una tempesta. Il film "Lampedusa" nasce allo scopo di sensibilizzare l'opinione pubblica riguardo un argomento così delicato come l'immigrazione. 

La prima puntata è andata in onda ieri, e oggi mercoledì 21 settembre andrà in onda su Rai Uno la seconda e l'ultima parte.

Vediamo insieme le anticipazioni e tutto ciò che accadrà.

Anticipazioni seconda parte 'Lampedusa'

Stasera 21 settembre, intorno alle ore 21:15, verrà mandata in onda l'ultima puntata di "Lampedusa". Le anticipazioni rivelano che gli sbarchi continueranno a incessantemente e la Guardia Costiera si ritroverà più volte a prendere delle decisioni difficili. Serra riuscirà a trarre in salvo una donna incinta dal nome Nadira. Dopo ciò il malore di un uomo verrà usato come pretesto per iniziare una grande rivolta nel centro accoglienza che provocherà un incendio, in cui si ritroverà anche Viola (Carolina Crescentini) che poi verrà salvata da Serra. La donna continuerà ad apprezzare il comportamento del responsabile. Il centro di accoglienza dovrà essere risistemato in quanto saranno molti i danni causati dai migranti che aderiranno allo sciopero della fame e sebbene saranno deboli fisicamente riusciranno ad essere forti dentro allo scopo di trovare la libertà.

I migliori video del giorno

Intanto i genitori di Dhakj, Fatima e Sana, saliranno sull'imbarcazione che potrebbe finalmente portarli sulle coste italiane, ma si avvicinerà nel frattempo una tempesta molto violenta. Migliaia di persone finiranno in mare e la Guardia Costiera, insieme ai pescatori e ai volontari locali, dovranno cercare di evitare una vera e propria strage umana.