La notizia era nell'aria ma ora, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri datato 29/05/2013, è ufficiale la proroga della scadenza per la consegna del modello 730 ai Caf.

La nota ufficiale dice testualmente che:  "Più tempo per consegnare il #modello 730/2013 per dichiarare i redditi 2012 ai Caf e ai professionisti abilitati a prestare assistenza fiscale. Slitta, infatti, dal 31 maggio al 10 giugno 2013, il termine per la consegna da parte dei contribuenti dei documenti per ricevere l’assistenza fiscale. A loro volta, gli intermediari fiscali possono consegnare al contribuente la dichiarazione dei redditi elaborata fino al 24 giugno 2013, e non più entro il 17 giugno. Viene infine prorogata anche la trasmissione dei modelli e del risultato contabile: la nuova scadenza slitta dal 30 giugno all’8 luglio 2013"

La probabile proroga del #modello Unico 2013

E' allo studio inoltre la possibilità di proroga del versamento di quanto dovuto per il modello Unico 2013.

Le nuove scadenze dovrebbero essere la data il giorno 8 Luglio senza maggiorazione in luogo del 17 Giugno e al 20 Agosto con la classica maggiorazione dello 0,40% per i contribuenti soggetti a studi di settore.

L'acconto Imu per coloro tenuti al versamento sicuramente sarà confermato al 17 Giugno 2013. Ricordo che il Dl n. 54/2013 ha previsto la sospensione del versamento della prima rata 2013 per le seguenti categorie di immobili: abitazione principale e relative pertinenze, esclusi i fabbricati classificati nelle categorie catastali A/1 , A/8 e A/9, unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, nonché gli alloggi regolarmente assegnati dagli Iacp).

I motivi della richiesta della proroga sono stati diffusi mediante un documento diffuso da diverse associazioni di categorie e professionisti ed essenzialmente sono riferibili a due motivi:

  • ritardo nel rilascio del software Gerico per gli Studi di Settore
  • coincidenza con la scadenza della prima rata IMU del 17 giugno (per chi è tenuto al versamento)

Insomma, agli operatori del settore conviene prestare la massima attenzione al fine di evitare degli accumuli di lavoro e conseguente stress lavorativo.